Johnny, il pitbull abbandonato in una gabbia

Johnny, il pitbull abbandonato in una gabbia con un biglietto in cui scriveva che era aggressivo aveva buoni motivi ad esserlo: ecco cosa gli avevano fatto.

Home > Animali > Johnny, il pitbull abbandonato in una gabbia

Johnny, il pitbull abbandonato in una gabbia con un biglietto che metteva paura solo a guardarlo, sarebbe probabilmente morto presto per colpa delle ferite che sanguinavano copiosamente. Nessuno si sarebbe accorto di lui e, forse, era proprio questo lo scopo di chi lo aveva abbandonato.

Alcune razze sono considerate aggressive ma, il più delle volte, si tratta solo di cattiva reputazione. Infatti, proprio questi cani considerati aggressivi sono le vittime predilette della malvagità umana. E Johnny, il protagonista della nostra storia è un esempio. Lui ha pagato a caro prezzo il fatto di essere nato pitbull.

pitbull

Siamo in Mississippi dove è avvenuto un fatto gravissimo. Un pitbull di nome Johnny è stato abbandonato all’interno di una gabbia davanti a un rifugio per animali. Chi l’ha abbandonato sperava che venisse soppresso, tanto che si è disturbato a scrivere sulla sua gabbia un biglietto: “razza aggressiva”. Ma, non essendo sicuro che il rifugio avrebbe soppresso un animale sano, ha trovato un modo per condannarlo a morte: gli ha sparato una pallottola nella spalla. Avrà pensato che nessuno avrebbe provato a salvare la vita a un animale ferito gravemente e definito “aggressivo”.

pitbull-johnny

Ma si sbagliava. Il cane è stato trovato da un uomo di nome Aaron Travis Donald che lo ha chiamato Johnny e portato di corsa dal veterinario. Aaron lo fece salire nella sua auto definendolo “non aggressivo” sui social media.

johnny-il-pitbull-abbandonato-in-una-gabbia

“Ha ringhiato un po’ quando mi sono avvicinato per la prima volta ma dopo avergli dato da mangiare, mi ha lasciato accarezzarlo. Aveva tanta paura.”

Il post di Donald ha attirato l’attenzione di Amber Burrus, una volontaria che gestisce Coco’s House Senior Sanctuary and Rescue. La donna ha preso sotto la sua custodia il cane.

“Anche se ha paura ed è terrorizzato non è aggressivo nei confronti degli umani”, ha scritto sui social media. “Johnny sarà seguito dal nostro veterinario.”

Il futuro di Johnny ora sembra molto più brillante. Sarà messo in adozione e avrà una possibilità di trovare una casa amorevole.