Keta, la gattina con la faccia deformata

Keta, la gattina con la faccia deformata veniva presa a calci quando cercava di avvicinarsi alle persone. Ma, un giorno, il suo destino cambiò. Ecco come.

Home > Animali > Keta, la gattina con la faccia deformata

Keta la gattina con la faccia deformata, non aveva avuto molta fortuna nella vita. Nata come randagia, la piccola Keta ha cercato di sopravvivere sulle strade di New York. Ma vivere come randagia non è facile e se hai anche la sfortuna di avere un tumore che ti copre metà faccia e ti impedisce di mangiare agevolmente, le cose diventano ancora più complicate.

Il suo destino, però, aveva una sorpresa per lei. Keta è stata trovata e portata in un rifugio per animali randagi e abbandonati. Il veterinario che l’ha visitata non era molto convinto che Keta sarebbe sopravvissuta a un’operazione complessa e ha proposto l’eutanasia. Ma i volontari hanno insistito: Keta aveva solo 10 mesi e meritava una chance. È stato contattato Kristin Livan, il vicepresidente dell’organizzazione non-profit Unwanted NYC Pets (Gli animali non voluti di New York). Come suggerisce il nome, l’associazione si prende cura degli animali che vengono ignorati da altre persone e si assicura che ottengano una seconda possibilità nella vita. Il giovane gattino è stato portato via dal rifugio ad alto tasso di soppressione e l’associazione ha iniziato a raccogliere fondi per operarlo. La storia di Keta non è passata inosservata e, in poco tempo, le persone della comunità locale e di tutto il mondo hanno donato i soldi necessari per pagare l’intervento chirurgico. Tuttavia, i soccorritori sono rimasti sempre realistici circa le possibilità di Keta. Il tumore era di dimensioni significative e il gattino poteva morire.

“Il tumore era così grande che era uscito fuori dalla sua bocca”, ha detto Kristin al NY Post. “Ho visto molto nella mia carriera di soccorritore ma il suo caso è uno dei peggiori. È stato sconvolgente, molto… e molto inquietante.”

Anche prima dell’intervento, prendersi cura di Keta era un compito difficile. Poiché il tumore era posizionato su gran parte della sua faccia, il povero gattino aveva difficoltà a mangiare, vedere e persino respirare. I volontari hanno dovuto anche ricorrere al nastro adesivo per assicurarsi che Keta potesse mangiare dal suo piatto, per quanto strano potesse sembrare.

gattino-faccia-deformata

“Abbiamo attaccato con il nastro adesivo la sua ciotola al pavimento in modo che non si spostasse ovunque mentre lui mangiava”, ricorda Kristin.

gattino

Fortunatamente, i test iniziali hanno dimostrato che il tumore di Keta era benigno. Anche se il tumore non era del tipo letale, però, doveva essere rimosso.

gatto

L’associazione ha raccolto quasi quattromila dollari e ha quasi raggiunto l’obiettivo per procedere con l’operazione di rimozione.

gatto-malato

La differenza l’hanno pagata con soldi dalla loro tasca.

gatto-dopo-operazione

Le possibilità di un recupero completo erano ridotte ma Kristin era determinata a fare ciò che nessun altro ha mai fatto per questo cucciolo: darle una possibilità. “Pensavamo che metà della sua faccia sarebbe stata completamente rimossa.”

gattino-operato

Contro ogni probabilità, la ripresa di Keta è andata molto bene.

gatto-adesso

Le cicatrici causate dall’intervento sono guarite rapidamente, il suo appetito ha iniziato a migliorare e, senza quel tumore, Keta ha finalmente iniziato a riguadagnare la vista. Entro una settimana, il piccolo gatto si sentiva benissimo.

gattino-adesso

“Era fuori dall’ospedale da cinque giorni e giocava già con i giocattoli, inseguendo le cose. È molto sciocca” ha aggiunto Kristin.

gattino-bellissimo

Adesso Keta ha bisogno di una casa per Natale… e noi glielo auguriamo.