Kolento, il cane che girava su se stesso

Questo è Kolento, un cocker spaniel dal carattere dolce che ama sperimentare cose nuove e conoscere tutti i luoghi, gli odori e i sapori che l’aria aperta ha da offrire. Ma recentemente, mentre passeggiava per la città con il suo proprietario Dion Lambrecht Finne, la curiosità del cane stava per fargli pagare un prezzo molto alto.


La scorsa settimana, Finne e Kolento erano usciti fuori per fare la loro normale passeggiata mattutina in un parco vicino a casa loro in Danimarca quando il cucciolo ha scoperto qualcosa per terra e ha deciso di dargli un assaggino. Finne non se ne reso nemmeno conto sul momento, perché nonostante avesse il guinzaglio, Kolento è un cucciolo velocissimo, specialmente quando si tratta di cibo. “È molto veloce a mangiare roba”, ha detto Finne. Ma Finne non sapeva che quel giorno l’inclinazione del suo cane a mangiare cose a caso stava per causargli qualche serio problema. In seguito, tornato a casa, Kolento stava bene ed era felice, come sempre dopo una passeggiata. Finne poi si allontanò da casa per andare a lavoro – ma al ritorno a casa poche ore dopo, c’era qualcosa di terribilmente sbagliato con il suo cane. “Stava camminando in cerchio”, ha detto Finne. “Non riusciva a mettere a fuoco, la sua testa girava, non rispondeva a nulla di ciò che gli stavo dicendo, di solito mi dà il benvenuto quando torno a casa ma quella volta non lo ha fatto”. Mentre lo strano comportamento persisteva, Finne si preoccupava sempre più per Kolento. “Ero molto spaventato e in preda al panico”, ha ricordato. “Lo stavo guardando dicendo: ‘Per favore, torna indietro per favore'”. Finne ha portato il cane da un veterinario di emergenza, girando prima questo video per farlo vedere al veterinario. Fu allora che Finne ricevette una diagnosi iniziale – il veterinario sospettò che Kolento avesse avuto un ictus. “Ha detto che probabilmente era qualcosa di neurologico, qualcosa con il cervello”, ha ricordato Finne. “È stato straziante sentire, pensavo di dover dire addio al mio cane.” Kolento rimase sotto osservazione dal veterinario per le prossime ore, e il suo umano, devastato si preparava per le notizie più tristi.  “Poi il veterinario mi ha chiamato e ha detto che voleva fare un test antidroga sul cane, ha chiesto se c’era qualche possibilità se avesse mangiato della cannabis e io ho risposto:” No, decisamente no “, ha detto Finne. “Poi il test antidroga ha mostrato che era positivo per la cocaina, la metanfetamina e l’anfetamina.” La mente di Finne tornò immediatamente prima quel giorno nel parco; ricordava di aver visto Kolento interessato a qualcosa vicino a una recinzione, ma non aveva mai sospettato che potesse trattarsi di una sostanza illecita. Finne era scioccato, ma anche sollevato dal fatto che la causa del problema del suo cane non era la diagnosi più terribile. “Pensavo che almeno era curabile, poteva migliorare, ero felice di avere una spiegazione”, ha detto Finne. “Non abbiamo dovuto sopprimerlo.”

Il veterinario diede a Kolento delle medicine per aiutare a spurgare il suo stomaco da ogni droga rimasta e lo mandò a casa per riprendersi. “Più tardi quella notte, ha iniziato a bere per la prima volta, ha mangiato anche qualcosa, ha smesso di tremare così tanto”, ha detto Finne.

“Per due o tre giorni dopo, sembrava molto depresso e cauto, non riusciva ad addormentarsi, dopo di che era caduto in un sonno profondo e quando si è svegliato sembrava molto più rilassato.”

Oggi Kolento è tornato completamente in sé e, fortunatamente, le analisi del sangue mostrano che non ha subito danni permanenti agli organi dalle droghe che ha ingerito…

Per Finne, tuttavia, il calvario è stato un vero colpo – e spera che altri proprietari di cani prendano nota. “Non ti aspetti che le droghe siano ovunque, non avrei mai immaginato che potesse succedere qualcosa del genere, ma ora abbiamo capito che può succedere”, ha detto.

“Quindi la gente dovrebbe assolutamente esserne consapevole.” La polizia ha successivamente cercato nel parco altre droghe e non ne ha trovato, ma Finne ha detto che sarà ancora più cauto nel portare Kolento lì, conoscendo i potenziali pericoli.

“Non so perché qualcuno dovrebbe buttare droghe come quelle sul terreno, ma a quanto pare succede”, ha detto. “Forse le avevano lasciate nascoste… fatto sta che il mio cane ha rischiato la vita”