La festa per ringraziare i cani in Nepal

Ogni anno in Nepal viene fatta una festa ringraziare tutti i cani

Home > Animali > La festa per ringraziare i cani in Nepal

la festività del Kukur Tihar, celebrata durante la seconda giornata di un festival di cinque giorni chiamato Tihar, contrassegnato parzialmente da lanterne e petardi, simile alle cerimonie del Diwali in India e altrove. Durante il Kukur Tihar, la gente offre ghirlande, tika (punti rossi) e speciali leccornie come latte, uova, carne o cibo per cani di qualità elevata sia ai cani domestici sia a quelli randagi.

La ghirlanda è chiamata “malla” e segnala ammirazione e dignità. Dichiara che chi l’indossa è una proprietà vitale e simbolizza le preghiere che accompagnano i cani. La tika (punto rosso) tinge il cane con un’aria di sacralità e funge da benedizione per le persone che incontrano il cane in questa giornata meravigliosa.

Spesso sentiamo parlare di animali maltrattati o abbandonati. Ne è un esempio la Cina, dove ogni anno nel mese di Giugno viene organizzato un festival per i cani. Potrebbe sembrare un’idea molto interessante, ma si tratta del Yulin Dog Festival.

Durante questa festività, essi vengono torturati. Fortunatamente ci sono anche persone che li trattano con molto rispetto, donando loro tutto l’affetto possibile. In realtà la festa dura cinque giorni ed il secondo è proprio quello dedicato ai cani, considerati i messaggeri del Dio della Morte, che vengono benedetti con il pundra sulla testa, omaggiati con ghirlande di fiori intorno al collo in segno di rispetto, riveriti e nutriti con tante prelibatezze.

Sulla loro fronte viene inoltre tracciato un tilaka d’onore, una linea rossa verticale, e la loro testa viene cosparsa di polvere rossa, simbolo di sacralità. In questa occasione, tutti i cani, compresi i randagi, vengono trattati come personaggi di grande riguardo, al pari di re e regine. Nel terzo giorno si festeggiano le mucche, simbolo della prosperità e della salute.

Anch’esse avvolte con ghirlande floreali e nutrite con l’erba migliore. Il quarto giorno, che vede protagonisti i buoi, è considerato, secondo il calendario Nepal Sambat, il primo giorno dell’anno. Un meraviglioso modo di ringraziare questi meravigliosi esseri di tutto il bene che fanno per noi.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI