La gratitudine di Freser

Freser, dà alla luce il suo piccolo e lo affida al suo salvatore

Home > Animali > La gratitudine di Freser

Freser venne salvata da un allevamento intensivo da alcuni attivisti. Sfruttata per il latte, veniva fecondata e fatta partorire a oltranza, senza riposo, doveva partorire di continuo perché più figli faceva più latte produceva. Per lei si aprono finalmente le porte di un vero paradiso. Il Santuario Gaia, il Catalogna, le offrì un futuro di pace e tranquillità, almeno questo avrebbero voluto.

Freser aveva paura dell’uomo, come darle torto, dopo tutto quello che avevano fatto al suo povero corpo! Non si lasciava avvicinare mai, neanche una carezza aveva accettato da quei ragazzi che si commuovevano solo a vederla distesa al sole. Freser ha un segreto, dentro di lei sta crescendo un piccolino e i ragazzi non vedono l’ora che venga al mondo, perché sanno che questa volta, mamma Freser, finalmente, dopo anni di parti, potrà godersi suo figlio.

Freser si accascia, qualcosa non va, il ragazzo si avvicina a lei, arrivano i veterinari, il piccolo non riesce a nascere, lei sta male. Finalmente il medico riesce a tirare fuori il suo vitellino, sembra stare bene ma Freser fa qualcosa di strano. Piange, con le lacrime che solcano il suo musetto, si appoggia al ragazzo, lo bacia, eppure non si era mai lasciata toccare, perché faceva questo!

Con il muso spingeva il suo piccolo dal ragazzo, lui lo avvicinava a lei, lo leccava un pochino ma Freser sapeva ciò che stava accadendo, così lo ha spinto di nuovo verso di lui, lo ha affidato. Freser morirà poche ore dopo il parto, un’inarrestabile emorragia interna dovuta alle continue gravidanze l’ha stroncata. Freser ha affidato il suo piccola a quel ragazzo, lo ha fatto piangendo e leccandogli il viso, si fidava di lui, una madre affida un figlio solo a chi è in grado di occuparsene come lei!” Il ragazzo, lo vedete nel video, lo allatta e lo coccola, poi ci chiede di non mangiarli, di lasciarli vivere, perché sono esseri fantastici e meritano solo la libertà!

La loro sofferenza è sempre causata da noi!