La storia dei cuccioli che avevano il terrore degli esseri umani.

Home > Animali > La storia dei cuccioli che avevano il terrore degli esseri umani.

L’abbandono degli animali è una piaga molto diffusa in tutto il mondo ed è quasi impossibile da combattere. Ecco perché sono nate molte associazioni, formate da volontari, che cercano di aiutare tantissimi animali in difficoltà, ma è una cosa impossibile da fare, visto che ne sono troppi.

A Glyfad, nel quartiere più ricco della Grecia, alcuni ragazzi che sono volontari presso la Società per la Protezione degli Animali Randagi, hanno trovato due cani, che erano fratellini. Erano in condizioni orribili, magri, con la pelliccia mancante, ma anche con tanta paura degli esseri umani. Cosa gli hanno fatto non si sa, ma qualcosa di brutto sicuramente. Quando il veterinario li ha visitati, ha fatto una scoperta ancora più orribile. I piccoli erano affetti da scabbia, ma in uno stato molto avanzato. Ecco perché non avevano quasi più la pelliccia. La prima notte che hanno passato al rifugio, sono rimasti tutto il tempo svegli per il prurito, ma chissà da quanto tempo non dormivano. In più, nella loro gabbia, erano rimasti immobili con la coda tra le zampe, avevano troppa paura. Un cucciolo sano ha bisogno di dormire, invece questi due cagnolini sono stati privati totalmente dell’amore, del cibo e del sonno. Ma i volontari fortunatamente, sono arrivati giusto in tempo per aiutarli. Ai cuccioli a quattro zampe, i ragazzi gli facevano, ogni giorno, bagni, medicazioni e gli davano da mangiare. Con il passare del tempo i miglioramenti sono iniziati ad arrivare ed, insieme a questi, i cuccioli hanno iniziato anche a muovere la coda e a smettere di nasconderla. Guardate il video della trasformazione di seguito:

I due cagnolini, hanno capito che quelle persone erano lì per aiutarli e non perché volevano fargli del male.

Nel giro di poco tempo, sembravano totalmente diversi da come sono stati trovati.

La loro pelliccia era tornata ad essere completa ed erano anche ingrassati, tutto questo grazie ai volontari dell’associazione.

Condividete tutti questa bellissima storia!