La storia di Bo, costretto a mangiare la spazzatura per sopravvivere

Home > Animali > La storia di Bo, costretto a mangiare la spazzatura per sopravvivere

Un po’ di tempo fa gli abitanti di Toronto si sono ritrovati davanti ad una triste scena e con il cuore a pezzi hanno chiamato i volontari animalisti per essere aiutati. Un povero cane era stato abbandonato in un vecchio lavaggio d’auto, oramai inutilizzato e diventato una specie di discarica abbandonata.

Per sopravvivere aveva mangiato i rifiuti e aveva perso completamente la fiducia nel genere umano. Infatti, non appena i soccorritori hanno provato ad avvicinarlo, il cane si è subito dimostrato terrorizzato e ha cercato di fuggire e nascondersi da loro. Guardate prima la sua storia:

Bo, questo è il suo nome, alla fine ha dovuto arrendersi e con un atteggiamento di qualcuno che si fa sottomettere, con la testa bassa, si è fatto portare al rifugio e così ha continuato a starsene, nella tristezza assoluta, dentro quel box silenzioso e freddo. Questo faceva pensare che era stata maltrattato e probabilmente picchiato dalla stessa persona che poi l’aveva gettato lì, come spazzatura.

Ma poi qualcosa è cambiato, un giorno Bo ha capito che quell’angelo che gli portava il cibo ogni giorno, che gli parlava dolcemente e che cercava di conquistare la sua fiducia, era davvero una persona buona.

Così decise di farsi accarezzare e coccolare e da quel momento ha iniziato a scoprire la vita, quella vera.

Bo ha conosciuto l’amore, l’amicizia, il rispetto, la fiducia e cosa significa essere un cane, correre in giardino, uscire per una passeggiata e dormire in una cesta calda! Purtroppo di casi come quello di Bo ce ne sono in ogni angolo del mondo e quando vediamo che esiste qualcuno pronto a cambiare le cose, il nostro cuore sorride. Vogliamo dire solo una cosa, a chiunque abbandona un cane, siete dei vigliacchi! Esistono rifugi, invece di gettarlo incontro a morte certa, affidatelo ad un volontario, che se voi non lo volete più, ci penseranno loro a trovargli una famiglia vera!