La storia di Jenny

Home > Animali > La storia di Jenny

Chi vede Jenny oggi vede solo una cagnolina felice e allegra che pensa solo a giocare. Se guardi bene, puoi vedere una cicatrice sulla sua testa che potrebbe farti pensare a un piccolo incidente di percorso, magari mentre giocava con la sua amica. Ma, purtroppo, non è così: dietro agli occhi felici e spensierati di Jenny si nasconde una storia triste…

Jenny è stata trovata sulle strade della Grecia. Si nascondeva sotto le macchine, come se si vergognasse di esistere. Quando i volontari l’hanno avvicinata, hanno capito perché si nascondeva. Jenny aveva infilato un testa un tridente… ed è difficile pensare che si era infilzata da sola.

I volontari sono riusciti a catturarla e hanno fatto un’altra scoperta triste: Jenny aveva le mammelle piene di latte ma dei suoi cuccioli non c’era nessuna traccia. Ovviamente, qualcuno si era sbarazzato di loro come si fa normalmente con le cose indesiderate. Sono stati avvolti probabilmente in una busta di plastica e buttati dentro un secchio dell’immondizia.

Jenny era così sola… questi cani sono sempre molto soli. Scacciati dalle persone loro finiscono per diventare delle ombre. Invisibili per la società, indesiderati… un peso. Nel migliore dei casi vengono ignorati… nel peggiore – eliminati. E qualcuno aveva probabilmente provato ad eliminare Jenny.

Jenny è stata salvata da SCARS, un’associazione di volontari che operano sul territorio greco. Jenny è una cagnolina fortunata. Ma per una Jenny che si salva altri 100 cani muoiono. Sono cani che non hanno chiesto di venire al mondo… che vengono puniti dalla società per essersi fidati degli umani.

Adesso Jenny è felice e sembra godersi finalmente la sua vita. La piccola cerca una nuova casa lontana dall’inferno in cui è nata… si porterà per sempre le sue cicatrici che l’hanno fatta più forte… Jenny merita una vita spensierata…

Per adottare Jenny o la sua amica Bonnie, scrivete una mail a info@scars.gr o support@theorphanpet.com. Se non  potete farlo, condividete la sua storia.