La storia di Oogy, il cane da combattimento che è riuscito a trovare la felicità

Home > Animali > La storia di Oogy, il cane da combattimento che è riuscito a trovare la felicità

Come già saprete il combattimento di cani è illegale, ma purtroppo continua ad essere praticato per il solo scopo del divertimento umano. Il protagonista di questa storia, un Dogo argentino di nome Oogy, è proprio una di queste vittime. Usato per attaccare altri fratelli come lui ma incapace di essere aggressivo.

Infatti, durante i combattimenti veniva sempre sottomesso. Si è ritrovato con un orecchio completamente negligente, il viso deformato e un buco nel cranio grande come una pallina da tennis.

Quando quei mostri hanno capito che era inutile come cane da combattimento, lo hanno rinchiuso in una gabbia e lasciato lì, senza cibo ne acqua, in attesa che la morte arrivasse a prenderlo. Per cercare di liberarsi il povero Oogy peggiorò anche quelle dolorose lesioni che aveva per tutto il corpo.

Fortunatamente qualcuno aveva un piano nascosto per quegli uomini senza cuore e dopo 5 giorni, la polizia ricevette una soffiata anonima. Gli agenti si recarono subito sul posto e portarono Oogy dal veterinario. Fu subito operato d’urgenza e anche se ci volle tanto tempo e soprattutto tanta speranza, iniziò a stare meglio.

Un ragazzino di 12 anni lo vide solo e triste nel suo box e si innamorò perdutamente di quel cane dal volto sfigurato.  E l’animale quando lo vide, provò esattamente la stessa cosa, si getto tra le sue braccia, fu amore a prima vista. Il ragazzino lo adottò insieme alla sua famiglia e per bene 12 anni si sono presi cura di lui. Purtroppo Oogy in questo lasso ti tempo, è peggiorato sempre di più, ha subito altre dolorose operazioni alla testa, ma alla fine collassò.

Ma riuscì a superare anche questa enorme e spaventoso ostacolo. Ha conosciuto l’amore, ha conosciuto la lealtà e l’amicizia, ha dimenticato per sempre quel maledetto passato, anche se portava ancora addosso i segni indelebili.

 

Purtroppo dopo 12 anni di felicità, Oogy è morto nel sonno ma non ha sofferto, almeno questo la vita glielo doveva. E’ volato in cielo accompagnato da bellissimi ricordi e dall’immagine del volto di quel ragazzino, ormai diventato uomo, che lo amava da morire.

Noi oggi vogliamo ricordare e salutare ancora una volta questo guerriero! Ciao Oogy, adesso sei in un posto migliore ♥.