La storia di Spirit Golden Heart

“Sono andato a comprare le sigaretta a piedi, una cosa che faccio spesso, quando all’improvviso l’ho visto, giaceva sull’asfalto. Si vedeva benissimo che stava solo aspettando la sua ora. Mi sembrava un pit bull, ma era così magro e malridotto che non ne ero poi così sicuro. Sono entrato al tabaccaio, ho preso le sigarette, ne ho accesa una e stavo tornando a casa, ma non riuscivo a non pensarci. Alla fine, mi sono rigirato.

L’ho fissato da lontano, ho guardato il suo pelo e ho visto che aveva un cuore marrone sul petto… non so perché ma questa cosa mi ha fatto sorridere e ho capito che era un segno. Sono tornato a prendere la mia auto per caricarlo e portarlo dal veterinario. Quando sono arrivato lì, quei ragazzi in camice bianco, non mi hanno dato molte speranze. Aveva i vermi ed era sottopeso. Hanno nominato il ponte dell’arcobaleno… non ne avevo mai sentito parlare, ma non ci voleva molto a capire che mi stavano dicendo, nel modo più carino possibile, che non sarebbe sopravvissuto. Ho deciso di chiamarlo Spirit Golden Heart (Spirito dal cuore d’oro). Mi hanno detto che probabilmente, erano anni che viveva così ed ora era arrivato al limite. Il pensiero che non aveva mai conosciuto la felicità, mi spezzava il cuore. I passanti lo avevano sicuramente visto, nessuno aveva mai fatto nulla per aiutarlo… mi hanno detto che doveva essere operato alle zampe, 1000 £… io non li avevo. Per fortuna, quando ho chiesto aiuto sul mio profilo Facebook, mi ha contatto una gentilissima volontaria.


Mi ha aiutato con una raccolta fondi… grazie al cuore di tante persone, Spirit è stato operato. Non ci crederete, ma oggi sta bene!


Ha superato ogni aspettativa e appena ci riuscirò, gli cercherò una famiglia…

Sapete perché Spirit ha avuto una seconda possibilità? Perché io, vedendolo, non sono rimasto indifferente!”

Noi vogliamo lasciare i nostri auguri a questo bellissimo cagnolone!