La storia di Watson, il cane che ha chiuso gli occhi tra il suo primo abbraccio

Non sapeva nemmeno cosa fosse l'amore il povero Watson, ma poco prima di morire, il destino gli ha riservato qualcosa di magico

Il lavoro dei volontari è quello che più ammiriamo, ma purtroppo anche dietro ai loro bellissimi e quotidiani gesti, c’è una triste realtà: non tutti i cani possono essere salvati. Questo è ciò che si è ritrovata ad affrontare Janine Guido, fondatrice della conosciuta associazione Speranza Animal Rescue, quando ha incontrato un cane di nome Watson. Eccolo in una foto, di seguito:

Quando è stato trovato, Watson era malnutrito e viveva come un randagio. Vagava solo nel parco della città, quando uno studente universitario, ritrovatosi sul suo cammino, alla sua vista si è intenerito e ha chiesto aiuto ai volontari. Mentre attendeva di essere ricontattato, lo studente portò Watson ad un veterinario poco distante di lì. Il povero pitbull aveva il corpo ricoperto di piaghe e una grossa massa sulla schiena, che si è poi scoperto, dopo gli esami, essere un tumore. Purtroppo il veterinario informò sia il ragazzo, che i volontari, che il cancro si era diffuso e ormai c’era poco da fare. Potevano fare soltanto una cosa, rendere i suoi ultimi giorni, amorevoli e confortevoli. Janine lo aveva preso subito a cuore e decise di prendersi lei stessa il compito di farlo. Da quel momento non lasciò solo Watson nemmeno per un secondo. Trascorsero la notte abbracciati, stretti l’uno all’altra. “Avevo deciso che non sarebbe morto da solo, quella notte mi sono addormentata con le lacrime e mi sono svegliata con le lacrime”, ha raccontato Janine. Il mattino seguente Watson smise di bere e di mangiare, ma aveva capito cos’era l’amore.

Dopo pochi giorni, il cane si lasciò andare e morì, circondato da persone vere e amorevoli.


“Sono così grata di essere riuscita a tenerlo stretto fino all’ultima notte, fino al suo ultimo respiro”, ha concluso Janine.

Watson è morto felice e anche se ciò ci spezza il cuore, sapere che alla fine ha conosciuto la bontà e l’amore, ci lascia un sorriso sul cuore. RIP cucciolone…

Leggi anche: Mi chiamo Gilberto, non ho un soldo e il mio cane sta morendo