La sua ragazza lo lascia e lui abbandona il suo cane

Ha smesso di rispondere alle sue chiamate ed ha abbandonato il cane lungo il tragitto

Home > Animali > La sua ragazza lo lascia e lui abbandona il suo cane

L’episodio si è verificato lo scorso novembre, quando un pitbull è stato trovato abbandonato per la strada. L’animale, per fortuna, aveva il microchip e l’associazione Caroline County Humane Society è riuscita a scoprire che la sua famiglia viveva in Kansas. Al telefono rispose una donna, agitatissima nell’ascoltare quella notizia, lo aveva cercato ovunque. Ma come era finito nel Maryland?

Il pitbull era un esemplare femmina di nome Zimba. La donna era partita con il suo compagno e il cane, per trascorrere qualche giorno in “famiglia”. Durante la permanenza, però, lei e questo uomo hanno avuto una brutta discussione e hanno finito con il mettere fine alla loro storia d’amore. Il problema è che la donna, di certo, non si aspettava la reazione dell’uomo, che infuriato ha deciso di vendicarsi. Ha preso il cane ed è andato via. Ha smesso di rispondere alle chiamate della sua “ex” ed ha abbandonato l’animale lungo il tragitto. Da quel momento la povera donna ha denunciato la scomparsa del cane e lo ha cercato ovunque, anche una volta tornata a casa, con la speranza che l’uomo lo avesse riportato e non gli avesse fatto del male. Sentire quelle parole al telefono, per è lei è stato magico. Uno dei volontari dell’associazione, Zach Holt, si offrì di riportarle personalmente il cane, a sue spese. “Mi aveva detto che non sapeva quando sarebbe potuta venire a prenderlo, vista la sua situazione economica e io non volevo assolutamente perdermi la loro riunione, così ho deciso di farmi quel viaggetto”, ha raccontato Zach.

Di seguito, il video:

Non osiamo immaginare cosa abbia passato Zimba a più di 1000 miglia di distanza, in un posto totalmente sconosciuto.

Un ringraziamento va all’associazione e a tutti i ragazzi che ne fanno parte. Se non fosse stato per loro, questo cane non sarebbe mai tornato a casa.

Se vi è piaciuta questa storia, leggete anche: Il salvataggio dell’alce