La triste storia di Wanda: gettata in un recinto e lasciata lì a morire

Home > Animali > La triste storia di Wanda: gettata in un recinto e lasciata lì a morire

Continuo a domandarmi come possa esistere così tanta cattiveria a questo mondo. Ogni giorno, sento storie di ogni genere e oramai non mi meraviglio più… ma questa, questa di oggi supera davvero ogni limite immaginabile!

La povera cagnolina che vedete nella foto, si chiama Wanda, qualcuno, probabilmente il suo “umano”, colui che lei più amava, l’ha gettata in condizioni disastrose, all’interno del recinto di uno sconosciuto. La sua vita era appesa ad un filo e, evidentemente, quel mostro, perché in altro modo non può essere definito, ha creduto che lì sarebbe morta in pace e che nessuno si sarebbe mai accorto di lei.

Ma qualcuno, passando di lì, si è accorto di quel corpo apparentemente senza vita ed ha subito chiamato l’associazione del posto, la Ravenswood Pet Rescue in Wisbech, Fens of Cambridgeshire. I volontari si sono precipitati sul posto:

“Ne ho viste tante in tutti i miei anni di volontariato per gli animali, ogni giorno vedo casi di abusi, maltrattamenti, malnutrizione, abbandono, ma mai mi sono ritrovato a guardare una scena del genere. Wanda era malata, il suo aspetto era qualcosa di spaventoso. L’avevano picchiata, senza pietà, aveva ematomi perfino sulle orecchie, era malnutrita e disidratata, aveva ferite aperte e infette su tutto il suo fragile corpicino. Il suo pelo era invaso dai parassiti, crespo e sudicio. Aveva una gravissima infezioni agli occhi, lacrimavano… e nonostante tutta quella sofferenza, nonostante ciò che gli avevano fatto e il modo in cui era stata buttata incontro alla morte, quando ci ha visto, lei ha scodinzolato”, ha raccontato uno dei volontari.

Dopo averla presa tra le loro braccia e caricata sulla loro auto, questi angeli l’hanno portata al rifugio e sottoposta immediatamente a tutti gli esami e necessari. Purtroppo le cure per salvarla erano troppo costose e l’associazione non disponeva dei fondi necessari. Il veterinario li mise anche al corrente del fatto che aveva appena avuto dei cuccioli e che probabilmente le erano stati strappati via. Il destino di Wanda, era uno solo… per chi non lo sa, in molti paesi del mondo, nei rifugi, persiste un grave problema di sovrappopolamento e i cani come Wanda, considerati vecchi, incurabili e inadottabili, vengono soppressi, per fare spazio ad altri cani, più giovani e in salute.

“No, non poteva essere vero, aveva già sofferto abbastanza, non meritava anche di morire. Sono stato tutta la notte a farle compagnia, volevo che in quelle ultime ore si sentisse amata, volevo che capisse che nel mondo esiste anche qualcosa di buono, volevo che conoscesse, per una volta nella vita, cosa fosse l’amore. L’ho accarezzata tutta la notte, lei mi leccava la mano e continuava a scodinzolare. Sembrava quasi aver capito, era come se volesse dirmi: ‘lo so non preoccuparti, non è colpa tua…’

Ad un certo punto ebbi un idea, sembrava folle ma era l’unica speranza. Ho creato una pagina GoFoundMe, per raccogliere i fondi necessari per le sue cure. Ho raccontato la sua storia e non so come, sono riuscito ad entrare nel cuore di centinaia di persone. Le donazioni iniziarono ad arrivare come la pioggia, da ogni parte del mondo e la speranza tornò nei nostri cuori.

Abbiamo raccolto tutti i fondi necessari, anzi abbiamo raccolto così tanti fondi, da riuscire a curare altri cani bisognosi. Abbiamo curato Wanda e oggi, finalmente, è tornata a correre, a giocare, è tornata ad essere un cane!”

Questa povera cagnolina ha trascorso tre mesi in un reparto di terapia intensiva, la sua pelle è stata curata quotidianamente, con creme e bagni alle erbe. I volontari si sono presi cura di lei giorno dopo giorno, le hanno somministrato i farmaci di cui aveva bisogno e l’hanno nutrita, ma il vero miracolo, l’ha fatto la medicina più potente, l’AMORE!

Oggi Wanda è stata adottata da una famiglia amorevole, che si prenderà cura di lei per il resto della sua vita.

Riuscite ad immaginare cosa abbia provato, gettata in quel recinto, mentre scodinzolava confusa, domandandosi perché, dove fosse e con la consapevolezza che la morte sarebbe arrivata presto a prenderla? Sono storie che ci spezzano il cuore, ma vedere che ci sono persone come questo ragazzo, pronte a lottare per salvare un povero animale raccolto per strada, ci ridà un po’ di speranza. Vogliamo dire grazie a questo volontario e a tutto il team, per aver regalato a Wanda una seconda possibilità per essere felice ♥.