La volontaria va per un controllo e viene colta da malore

Home > Animali > La volontaria va per un controllo e viene colta da malore

Argentina, una giovane coppia si presenta al rifugio per adottare un cane, i volontari fanno i primi colloqui, poi il controllo a casa, tutto sembra a posto, i ragazzi non si mostrano neanche infastiditi dai controlli , anzi, stringono con le volontarie quasi amicizia. Arriva il giorno tanto desiderato, possono finalmente portare a casa il cane che avevano scelto.

Eccola felice Serè, il giorno in cui lascia il rifugio con la sua mamma e il suo papà, quella linguaccia doveva essere verso quel posto brutto, lei aveva una bella vita davanti, o almeno lo sperava!

Passa qualche giorno, la volontaria chiama e i ragazzi dicono che son in vacanza, qualche settimana dopo ci riprova, chiede di poter andare a trovare la cagnolina ma, loro molto imbarazzati, inventano una scusa. Le ragazze ritentano un appuntamento ma all’ennesimo rifiuto colgono qualcosa di strano nel suo atteggiamento così si organizzano per un’improvvisata.

Suonano al campanello, il ragazzo apre la porta e accade qualcosa di incredibile. Un sacco nero si muove da dietro l’uscio, la volontaria capisce e per poco non sviene. Serè alza la testolina, ormai è solo una testolina, ha sentito la voce delle ragazze, le ha riconosciute, cerca di farsi vedere….Ecco, così viene ritrovata Serè dopo soli due mesi di adozione…

Non so se occorrono parole per descrivere, le ossa sporgono, la pelle è rotta dal contatto delle ossa sul pavimento, le sue zampe non la reggono più, Serè stava morendo…

Mentre una prende in braccio la piccola, ormai un fuscello veramente, e scappa in clinica, l’altra attende l’arrivo della polizia.

Serè se la caverà, lentamente ma starà meglio, i ragazzi hanno dichiarato di essere rimasti senza lavoro entrambi, proprio l’indomani dell’adozione, quindi non avevano mai comprato cibo alla cagnolina.

La delusione e i sensi di colpa invadono i cuori delle volontarie, hanno sbagliato a giudicare la famiglia, è finita bene e si racconta ma quando gli adottanti si scocciano per i controlli ecco, servono a questo!