bruce-e-max-poliziotti

Lamezia Terme, Bruce e Max, due cani poliziotto hanno fatto arrestare una spacciatrice

Lamezia Terme, 2 cani poliziotto, Bruce e Max, hanno fatto arrestare una spacciatrice per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti

A Lamezia Terme (Catanzaro) due cani poliziotto, Bruce e Max, hanno aiutato i loro colleghi umani a trovare le sostanze stupefacenti che una donna di 33 anni, in avanzato stato di gravidanza, aveva all’interno della sua abitazione. Gli agenti del Commissariato di polizia di Lamezia Terme hanno arrestato la donna con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I cani hanno una sensibilità speciale quando si tratta di donne incinte. In questo caso, però, Bruce e Max, i due protagonisti della nostra storia, non si sono fatti impietosire dall’enorme pancione di B.G.E., una trentatreenne residente a Lamezia Terme.

bruce-max

Il fiuto infallibile di Bruce e Max ha permesso agli agenti del Commissariato di polizia di Lamezia Terme di trovare le sostanze stupefacenti che la donna, di origini rumene, nascondeva all’interno della sua abitazione: 28,4 grammi di marijuana, 20,8 grammi di hashish e 10 grammi di eroina e un bilancino di precisione usato per il confezionamento delle dosi.

cane-poliziotto

Le sostanze erano nascoste un po’ dappertutto nella casa. Una bustina di cellophane riempita con marijuana era stata nascosta dietro alla porta che, dalla cucina, portava a un vano interrato. Un pacchetto di sigarette riempito con della marijuana e altre due bustine di cellophane contenenti hashish si trovavano all’interno di un mobiletto in cucina.

max-bruce

Un’altra bustina di cellophane contenente eroina e il bilancino di precisione erano stati abilmente nascosti nel soggiorno ma per i due cani poliziotto, Bruce e Max, è stato un gioco da ragazzi trovare tutto.

bruce-e-max-poliziotti

Le sostanze stupefacenti trovate nell’abitazione della donna hanno permesso agli agenti di arrestarla mercoledì 20 novembre 2019 e accusarla di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Ovviamente, dato il suo avanzato stato di gravidanza e l’imminente parto in arrivo, la donna è stata posta ai domiciliari e sarà giudicata per direttissima.

Un applauso ai due eroi a 4 zampe.