L’amore di Katie per il suo cane la manda in carcere

Katie posta spesso le foto di lei e il suo amato figlio peloso. Ormai i suoi amici sono abituati e spesso si era lamentata del suo abbaiare continuo al mattino, così, senza rendersi conto del gesto, prende il nastro isolante, lo gira un paio di volte sul muso del suo cane e posta la foto. Per completare l’opera aggiunge un messaggio al post che diceva così


“Ti avevo avvertito, così impari” Da quel momento la sua vita è cambiata completamente, i commenti impazzano sotto al post, inutile il suo giustificarsi, anche i suoi amici non hanno gradito il suo gesto, parolacce e invito a rimuovere la foto arrivano da ogni parte del paese, purtroppo per lei le condivisioni arrivano oltre le sue amicizie. Si presenta la polizia a casa sua due giorni dopo, lei non c’è, viene chiamata sul lavoro e invitata a raggiungere immediatamente la sua abitazione. Pattuglie di polizia e protezione animali circondano la casa, vogliono immediatamente vedere il cane. Katie si rende conto perfettamente di quello che sta accadendo, non si capacita ma quando la polizia apre la porta la scena che si trovano davanti è straziante. Katie abbraccia il suo cucciolone che, di risposta la riempie di bacioni. Il cane stava tranquillamente in casa, acqua e pappa, pulito e educato, Katie prega gli agenti di non portarlo via, spiega che era solo uno scherzo, che lui è tutto quello che ha. Una denuncia per maltrattamento e cinque mesi di carcere, da questo si dovrà difendere in tribunale. Il cane non è stato portato via, in quanto era in ottime condizioni, pulito e molto amato. Sapete qual è la differenza? In America intervengono anche dove non serve, da noi chissenefregadeicani…

Ecco il post incriminato

uno scherzo di cattivo gusto sicuramente

speriamo che le sia servita come lezione, certe cose neanche per scherzo

Condividete, è bello poter contare sulla legge!