L’arpia è così grande che la gente pensa sia un essere umano vestito da uccello

Avete presente l'arpia? È un animale così grande che la gente pensa sia un essere umano che si è travestito come un uccello

Home > Animali > L’arpia è così grande che la gente pensa sia un essere umano vestito da uccello

Che ci fa in mezzo al bosco un uomo travestito da uccello? È reduce da un party? È uno scherzo? Ha deciso di mimetizzarsi per poter seguire meglio lo stile di vita degli animali del bosco? Assolutamente no: quello non è un uomo travestito da uccello, ma un’arpia, un’aquila talmente grande da sembrare una persona.

Sui social network, da Facebook a Twitter, persino su Reddit, non si fa altro che parlare dell’aquila arpia per la sua particolare stazza. C’è chi ha pensato fin da subito che fosse un falso, che fosse uno scherzo, invece era tutto vero.

Quell’animale è vero, non è una persona vestita da uccello. È un uccello decisamente particolare. E decisamente grandicello.

Dopo che le immagini sono diventate virali sui social media, le persone su Internet hanno iniziato a cercare informazioni sull’aquila arpia.

L’aquila arpia è uno dei più grandi uccelli del mondo: pensate che può arrivare a misurare fino a 1,10 metri di altezza. E quando spiega le ali, la sua larghezza può anche superare i 2 metri. È davvero grande e lo sono anche i suoi artigli, che possono arrivare a misurare anche nove centimetri di lunghezza.

La testa dell’arpia ha una forma arrotondata: il viso funziona come un’antenna per poter scovare i suoni delle prede e piombare su di loro senza che nemmeno se ne possano accorgere. Vive nella foresta pluviale.

Purtroppo l’aquila arpia è tra le specie minacciate. Il suo habitat è messo a dura prova dalle attività dell’uomo: disboscamento, incendi, cambiamenti climatici stanno mettendo a dura prova la resistenza di questo animale su questa terra. Se non si corre subito ai ripari, rischia di diventare per le generazioni futuro solo uno di quegli animali fantastici dei quali si sente solo parlare, si vedono solo foto nei libri, ma che non si possono più vedere e toccare con mano.