L’hanno investito e poi lasciato lì a morire

I lupi arabi vivono in piccoli branchi in Israele, nelle Yemen, in Giordania e in Arabia Saudita. Sono molto simili ai cani perché non sono di grandi dimensioni. Un cucciolo di lupo, in Israele, è stato investito e si è ritrovato con la zampa rotta, da solo e spaventato, impossibilitato a muoversi.

Era in attesa della sua morte, aveva capito che nessuno si sarebbe curato di lui, si era andato a nascondere in un fossato. Colui che l’aveva investito era scappato senza preoccuparsi se fosse vivo, ferito o morto. Non poteva nutrirsi ne ripararsi, in quelle condizioni non sarebbe sopravvissuto a lungo.

Fino a quando, un passante, amante di animali, si è accorto di lui e ha deciso di aiutarlo e di non lasciarlo lì a morire. L’ha portato dal veterinario che gli ha fatto fare tutte le radiografie. I medici l’hanno dovuto operare alla zampa con urgenza. La strada da percorrere per lui era lunga, non era molto semplice tornare a camminare di nuovo.

Hanno deciso di chiamarlo Oeil e di tenerlo ricoverato al rifugio per aspettare che guariva definitivamente. Era abituato a vivere in libertà e chiuso in una gabbia stava malissimo. É dovuto stare li per oltre quattro mesi, dopo i quali, finalmente, ha ripreso a camminare.

L’hanno messo in un gabbia e portato nel luogo dove lui era abituato  a vivere, libero di andare e correre dove voleva. Inizialmente, quando il personale ha aperto la gabbia, non era molto sicuro di voler uscire, loro sono rimasti dietro a guardare, finché, Oeil, si è girato ha guardato tutti per salutare e ringraziare e poi è scappato via, senza più voltarsi….

Siamo ancora convinti che gli animali, anche se selvaggi, non abbiano sentimenti?

Kolento, il cane che girava su se stesso

L'avvertimento di un proprietario dopo la morte della cagnolina Sofie

Cane piange nel rifugio: la storia di Schwabo e la separazione con Rocky

La seconda possibilità di Shell

La compagnia americana Delta accetta i cani a bordo: un esempio per tutti

La storia della piccola Maisie

Un amico che tutti noi dovremo accogliere nelle nostre case