Lilla e il suo papà

Investono il suo papà e lei non si alza fino a che viene trascinata via

Home > Animali > Lilla e il suo papà

Si chiama Lilla, è la cagnolina che tutti vorrebbero avere, lei è buona, è educata, è paciosa e intelligente, lei è fedele come nessun umano potrebbe mai. Lui, un senzatetto di grande dignità, si chiama Nereo, ma tutti a Roma lo conoscono come Verona. Arrivato nella Capitale circa venti anni fa ha regalato sorrisi a tutti. Amato dai romani

che apprezzavano il suo essere composto e l’amore per i cani, tanto da salvare dalla strada Lilla. Ieri mattina intorno alle 5 è stato travolto e ucciso da un auto pirata, Lilla ferma sul suo tappetino lo guarda. Arriva la gente, arriva l’ambulanza, non c’è molto da fare per lui, ma qualcuno si accorge di lei che trema spaventata sul marciapiede. I soliti del posto che ben conoscevano Verona, si chinano per carezzarla e tranquillizzarla, lei si guarda attorno, ha capito maledettamente tutto. La bicicletta del suo papà, quella su cui anche lei sedeva, la cassetta con tutti i loro averi, il tappetino morbido e l’odore è tutto ciò che resta di lui a Lilla. Arriva un furgone, tutti abbassano la testa, hanno capito a cosa serve. In realtà anche i vigili intervenuti sul posto sono dispiaciuti, la scena fa male, fa male a tutti. Lilla viene portata in canile a Muratella, la legge prevede questo. Tante persone la conoscono, portavano da mangiare ad entrambi, che tra loro possa nascondersi la sua futura mamma a noi piace pensarlo. Una storia che racconta una solitudine terribile per molti, per Lilla no, aveva tutto quello che si può desiderare, un amico che non faceva mancare nulla, amore, carezze e pappa, si perché Verona comprava prima per lei, se aveva altri soldi pensava a lui. Speriamo di poter vedere presto le foto di Lilla in casa, siamo certi che i romani non la lasceranno nella solitudine e nella disperazione di un box.

quanta tristezza

tutti i loro averi

l’infinita solitudine

 

Chissà se qualcuno nel cuore riesce a capire cosa sta passando Lilla in queste ore…quanto male fa saperla sola.