Lily è stata sepolta viva perché disturbava

La triste storia di Lily è davvero brutta e crudele, ma abbiamo deciso di raccontarvela per farvi capire che la cattiveria delle persone non ha limite. La cucciola ha passato tutta la sua vita come una randagia, vivendo per le strade di Cape Town, in Sud Africa. Una volta ha avuto un incidente e la sua spina dorsale si è bloccata e quindi non riusciva più a camminare con le gambe posteriori.


Un giorno Lily, per cercare qualcosa da mangiare è andata Luhlaza Secondary School e nei giorni a seguire è rimasta fuori quella scuola ad attirare l’attenzione di tutti. Per cercare di farsi notare la cucciola abbaiava e alla fine, stufo di sentirla, il preside ha avuto un’idea di una crudeltà assoluta. Ha dato il compito a due bidelli di “sbarazzarsene”, cioè di seppellirla viva. I due signori così hanno deciso di farlo al cortile della scuola, davanti agli occhi di tutti. C’erano i bambini che guardavano tutto e anche tutto il resto del personale dell’istituto. Fortunatamente, una cuoca che ha visto tutto, si è indignata e ha deciso di chiamare la Mdzananda Animal Clinic, un’associazione che aiuta gli animali in difficoltà. I volontari sono arrivati in venti minuti, ma quando hanno visto la cucciola sono rimasti davvero colpiti da così tanta crudeltà. Lily è stata sepolta ad un metro di profondità, stava quasi per soffocare. E’ rimasta così per più di trenta minuti. Dopo che i ragazzi l’hanno liberata, le sue condizioni erano ancora più critiche, perché oltre alla sua spina dorsale spezzata era anche malnutrita e disidratata.

I volontari l’hanno portata subito al rifugio per farla visitare dai veterinari, che l’hanno sottoposta ad alcuni trattamenti per aiutarla a farla camminare di nuovo e farla urinare da sola…

Poche settimane più tardi, dal salvataggio, Helen Walke, giornalista, non appena ha saputo la storia di Lily ha deciso di prenderla e portarla a casa con se, per darle tutto l’amore e le cure di cui ha bisogno e che merita.

Ora dopo quattro anni, Lily cammina di nuovo e quelle persone crudeli, che l’hanno sepolta viva, cioè il preside e i due bidelli, sono stati arrestati per maltrattamenti verso gli animali.

Finalmente giustizia è stata fatta per questa cucciola a quattro zampe.

Se siete contenti di come sia finita questa storia, condividete!!!