Lo abbandonano in canile e non hanno nemmeno un motivo

Quando le persone adottano un cane, spesso non si rendono conto di quanto questo sia realmente un impegno. Fortunatamente per la maggior parte delle persone, questo è un ruolo che molti sono felici di avere. Ma ci sono anche quelli che non lo sono. Noi ci chiediamo come mai persone del genere finiscono per avere un cane ma si sa che il destino non sempre e favorevole alle anime buone.


E cosa succede quando una di queste persone immature e senza cuore si stufano di avere il cane tra i piedi? Ebbene… qui si aprono varie opzioni: uccisione, abbandono in strada o abbandono nel canile. E credetemi, l’abbandono nel canile è la cosa meno crudele… quando non si tratta di un canile high kill però. Cosa sono i canili high kill? Sono strutture sparse sul territorio americano che si occupano degli animali abbandonati. La differenza tra i canili normali e quelli high kill e quella tra la vita e la morte: perché in questi ultimi i cani in eccesso, quelli malati, anziani o quelli definiti non adottabili finiscono per essere uccisi. Soppressi senza pietà per fare posto ad altri cani che, al loro turno, riceveranno la puntura letale. Questo stava per succedere anche al protagonista del nostro racconto: Sidney. Sidney è un cucciolo di pastore tedesco che una famiglia aveva acquistato per un semplice sfizio. Come era da aspettarsi, dopo un po’ si sono stufati… si sa bene che i cuccioli fanno la pupù, la pipì e, a volte, distruggono i mobili. E loro non volevano un simile guaio e, senza pensarci due volte, hanno deciso di sbarazzarsene. L’hanno preso e l’hanno portato in canile ma, non uno qualsiasi… uno high kill…

A solo 3 mesi il povero Sidney si è ritrovato solo e terrorizzato in un posto orribile che aveva l’odore della morte. L’uomo che l’aveva portato non sembrava nemmeno pentito di quello che stava per fare.

E quando il funzionario gli ha chiesto se dava il consenso alla soppressione lui non ha esitato e ha selezionato la casella che, di fatto, lo condannava a morte.

Poi, felice e soddisfatto, se n’è andato fischiettando, senza nemmeno guardare indietro mentre il povero Sidney piangeva disperatamente…

Fortunatamente, il giorno dopo Sidney è stato adottato ma quanti come lui perdono la vita ogni giorno in questi canili? Chiedetevelo la prossima volta che vi viene in mente di abbandonare un animale!