L’ultima carezza prima di spegnersi per sempre

Home > Animali > L’ultima carezza prima di spegnersi per sempre

Questa è una di quelle storie che ti lasciano in lacrime… ma non perché in questo racconto c’è una persona che si spegne… perché quello entra nella natura delle cose, così come la morte dei nostri amati amici a 4 zampe. Quello che ci fa commuovere in questa storia è il rapporto straordinario che si è creato tra quest’uomo e il suo cane.

Tanto che l’uomo, pur sapendo di avere poche ore di vita, ha voluto avere la possibilità di accarezzare un’ultima volta il suo amato cane. Lui è David Till, 35 anni, un uomo che, 13 anni fa ha ricevuto una terribile diagnosi: una malattia rara, autoimmune, che lo ha reso cieco, sordo e incapace di parlare. L’uomo ha passato gli ultimi anni della sua vita in compagnia de suo cane Milly che gli è sempre stato accanto, dimostrando una lealtà senza confini. Quando la fine è arrivata, l’uomo è stato portato all’ospedale Ellenor a Gravesend, nel Kent. Non ha potuto vedere la sua cagnolina per più i un mese e quando ha capito che gli rimanevano pochi giorni da vivere ha chiesto ai familiari di portargliela per poterla salutare. Insieme a lei nella stanza d’ospedale c’erano sua moglie Angelina e suo figlio Jack… e altri famigliari. Il momento è stato davvero commovente. La cagnolina sembrava capire che quella sarebbe stata l’ultima volta in cui avrebbe visto il suo umano ed è stata dolcissima. Lui non poteva vederla o sentirla e nemmeno parlarle.. ma lei gli ha messo una zampetta sulla mano. È stata dolcissima… in quella carezza c’era tutto l’amore che lei provava, tutte le parole che avrebbe voluto dire… TUTTO.

La madre di David, Chris Marston, ha dichiarato:

“Quando era a casa, Milly si sdraiava sul divano con lui. Penso che gli sia stato d’aiuto avere Milly lì per accarezzarla. Dicono che gli animali sono molto calmanti ed è stato un bene per David averla con lui.”

“La vita è preziosa e quando le persone si rendono conto di avere poco tempo a disposizione, ogni momento conta”.

R.I.P. David.