Maegan Duhamel e il suo attivismo per non far mangiare la carne di cane o di gatto

Home > Animali > Maegan Duhamel e il suo attivismo per non far mangiare la carne di cane o di gatto

“Sono Maegan Duhamel e sono una pattinatrice olimpionica del Canada. Per me il mio più grande obiettivo è quello di vincere l’oro durante le olimpiadi. Ma nella mia vita non c’è solo questo. Perché sono vegana dal 2008 e amo gli animali da tutta la mia vita.

Quando ci sono state le olimpiadi in Sud Corea, sapevo che lì, è nella normalità mangiare gatti e  cani. Infatti esistono degli allevamenti, solo ed esclusivamente per questo tipo di carne. Il Governo, ha chiesto a quei dodici ristoranti, se durante quel periodo potessero evitare di cucinarla ma nulla, loro si sono imposti e hanno continuato con il loro menù. Non sapendo come aiutare quei poveri amici a quattro zampe, ho fatto una cosa, per sensibilizzare il mondo intero e quei paesi. Ho adottato Moo Tae, da uno di quegli allevamenti. E’ un meticcio di due anni, è molto piccolo e soprattutto, molto dolce. Ama essere coccolato e adora fare yoga insieme a me. Ho postato la foto sul mio profilo Instagram, sperando che tutti la condividessero, perché volevo far capire al mondo quello che capita in quei posti. Nel frattempo, però, non sono stata ferma, perché mi sono attivata con l’organizzazione coreana Free Corean Dogs, per liberare quei poveri animali da quegli allevamenti. Li farò portare in Canada. Ovviamente non potrò adottarli tutti, perché nel mio condominio non me lo permettono, ma cercherò di aiutarli come posso.

Voglio che tutto il mondo possa fare qualcosa per cambiare quella cultura di quei paesi. Anche se so benissimo che è una cosa molto difficile.

Infatti molti attivisti hanno cercato di boicottare le olimpiadi per questo motivo. Ma è stata una cosa impossibile da fare.

Speriamo solo in un futuro migliore per quegli animali. Non è colpa loro se sono nati cani in quei posti!”

Condividete e fate sapere a tutti quello che capita a questi poveri amici a quattro zampe.