Manuel Bortuzzo, il regalo di compleanno è un labrador

Manuel Bortuzzo compie 20 anni e, per il suo compleanno, gli regalano un labrador nero: ecco le foto del commovente incontro tra il nuotatore e Roy.

Home > Animali > Manuel Bortuzzo, il regalo di compleanno è un labrador

Manuel Bortuzzo compie 20 anni e il regalo di compleanno è un labrador nero di nome Roy. A donare il meraviglioso cucciolo al nuotatore ferito lo scorso febbraio è stata l’associazione Il Mio Labrador. Manuel Bortuzzo è nato il 3 maggio del 1999 e l’incontro con Roy è stato davvero commovente.

Manuel Bortuzzo è il nuotatore ferito a colpi di pistola in un agguato a febbraio. Il ragazzo è rimasto paralizzato e ha bisogno di una sedia a rotelle per spostarsi ma non ha mai perso il suo meraviglioso sorriso.

Dopo aver appreso dai medici che la lesione potrebbe impedirgli di camminare di nuovo, Manuel ha dichiarato, con l’entusiasmo che lo contraddistingue, di essere pronto alla sfida.

manuel-bortuzzo-piscina

Per lui, abituato a sfidare se stesso nelle gare di nuoto, questa è una nuova sfida con la vita che ha intenzione di vincere.

Manuel Bortuzzo ha dimostrato di essere una persona straordinaria che non si è fatto abbattere dal verdetto dei medici che hanno detto che potrebbe non camminare mai più.

manuel-bortuzzo-labrador

Con grinta e determinazione è tornato a nuotare e ad allenarsi, usando solo le sue forti braccia. Crede fermamente di poter riuscire a sconfiggere il destino e questo fa di lui un vincitore.

manuel-bortuzzo-roy

Adesso che ha compiuto 20 anni, l’associazione Il Mio Labrador ha deciso di fargli un regalo speciale: Roy, un cucciolo di labrador nero. Roy è stato addestrato per aiutarlo e sostenerlo nella vita di tutti i giorni.

manuel-bortuzzo-con-il-labrador-roy

Sulla pagina dell’associazione si legge: il cane può “migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità consentendo loro di avere maggiore indipendenza, mobilità e serenità”. Infatti, i labrador retriever sono animali “istintivamente particolarmente disponibili ad amare ed aiutare il loro “umano” e grazie al nostro lavoro, possono diventare compagni inseparabili delle persone disabili donando a loro infinito affetto e, soprattutto, una migliore qualità della vita”.

Manuel Bortuzzo ha accolto con gioia Roy e suo padre, Franco Bortuzzo, ha dichiarato: “Ecco la nuova coppia: lui a riabilitarsi e il suo fedele compagno ad addestrarsi per un futuro migliore. A presto Roy”.