Mazie, la randagia che non voleva arrendersi

Mazie viveva da sola in strada e aspettava la morte come una liberazione. Ma quando una donna si è accorta di lei, tutto è cambiato. Ecco la sua storia.

Home > Animali > Mazie, la randagia che non voleva arrendersi

Mazie è una cagnolina con una voglia di vivere incredibile. La sua storia ha fatto il giro del mondo e noi ve la vogliamo raccontare. I volontari che l’hanno trovata non si spiegano come è riuscita a sopravvivere così a lungo nelle sue condizioni, abusata e trascurata, ma sono grati della possibilità di poter provare a salvarle la vita.

Mazie è stata scoperta da una donna che stava dando da mangiare ai cani randagi della zona. La donna l’ha convinta ad uscire da sotto la macchina dove si era nascosta, offrendole del cibo. Quando la donna vide il tumore di dimensioni di una palla da calcio che pendeva dal fianco di Mazie, capì che non poteva ignorare questa cagnolina abbandonata. Un rifugio per animali abbandonati di Fort Myers, Love is Fur Ever Dog Rescue (LIFE), ha preso Mazie per sottoporla a cure veterinarie immediate. Victoria Fraizer, fondatrice di LIFE, ha detto che quando ha visto per la prima volta lo stato trascurato di Mazie, è stata “disgustata”. “Il mio corpo mi fa male per lei”, ha detto Frazier. “La prima cosa che dovevo fare era andare dal nostro veterinario per vedere se potevamo aiutarla”. La veterinaria Megan Davis dice che Mazie ha davanti a sé una strada imprevedibile ma che lei si impegnerà a fare tutto il possibile per dare alla povera cucciola una nuova possibilità di vita.

Mazie

Sarà una lunga strada. Niente di tutto questo sarà veloce”, ha detto Davis, aggiungendo che il cane aveva un numero molto basso di globuli rossi ed era gravemente disidratata, oltre al tumore.

Il 9 ottobre, i volontari di LIFE hanno annunciato che Mazie era ancora ricoverata in condizioni critiche. Il team medico sta lavorando per dare al corpo di Mazie la forza di affrontare un intervento chirurgico.

“È una tosta, una combattente e non è pronta a mollare”, ha scritto il team che si occupa di Mazie su Facebook. “Mazie è così dolce e non possiamo nemmeno immaginare che abbia vissuto in queste condizioni per così tanto tempo, da sola.”

Non si sa cosa la vita abbia in serbo per Mazie ma sappiamo che, finalmente, lei può conoscere l’amore e le cure che le mani umane dovrebbero dare ai cani.

Mentre la piccola guerriera continua a combattere, la sua equipe medica sarà al suo fianco, con gentilezza e compassione accompagnandola sul suo cammino.