Pitbull

Meticcio ucciso da un pitbull che ferisce anche la proprietaria del cane aggredito

La donna ha riportato diverse ferite nell'aggressione

Ennesima tragedia a Ivrea, dove un meticcio è stato ucciso da un pitbull in un giardino pubblico. La proprietaria del cane aggredito e poi morto per le gravi lesioni riportate ha tentato fino alla fine di difendere il suo amico a quattro zampe. Ma non ce l’ha fatta. Nella colluttazione anche lei ha riportato diverse ferite.

Pitbull

Il meticcio di 8 anni purtroppo ha perso la vita in seguito all’attacco di un cane pitbull. La polizia sta indagando sull’incidente che ha avuto luogo a Ivrea, città che si trova in Piemonte. Il cane aggressore, secondo una prima ricostruzione, sarebbe riuscito a uscire da un cortile vicino a via Buozzi.

Uscito dalla casa, il cane avrebbe raggiunto la donna e il suo cane che si trovavano in un parco pubblico poco distante. Qui avrebbe subito aggredito il cagnolino di 8 anni, molto più piccolo di lui. A causa delle lesioni riportate, il meticcio purtroppo non ce l’ha fatta ed è morto.

La proprietaria del cane meticcio di 8 anni ha tentato in tutti i modi di separare il pitbull dal suo cucciolo. E infatti ha riportato anche lei delle ferite nel tentativo di salvare il suo amico a quattro zampe dall’aggressione di quell’altro cane sbucato dal nulla e senza proprietario.

Per fortuna la donna ha riportato ferite lievi. Per lei una ferita alle mani, dopo che il molosso l’ha morsa mentre lei cercava di strappare via dalla sua bocca il meticcio di 8 anni, che è morto poco dopo l’aggressione. Nemmeno il tempo di portarlo dal veterinario per sperare di salvargli la vita.

Cane salva una vita

Meticcio ucciso da un pitbull: la proprietaria del cane aggredito ha subito lesioni lievi alla mano

Ora la polizia indaga sul caso, per capire cosa sia successo e perché il cane ha potuto uscire da solo dal cancello di casa sua.

Il proprietario del cane pitbull che ha aggredito il meticcio di 8 anni ferendo anche la sua padrona sarà sicuramente denunciato alla Procura di Ivrea.