Motociclisti si uniscono per salvare i cani

"Loro non sanno cosa gli faremo, fino a che punto siamo capaci di arrivare o con quanta cattiveria, per questo abbiamo un punto di vantaggio"

Home > Animali > Motociclisti si uniscono per salvare i cani

Se pensiamo alla parola motociclista, pensiamo ad un uomo muscoloso, tatuato, con un gilet di pelle e una bandana… non è vero? Sicuramente non ci verrebbe in mente il salvataggio di un cane! Invece questa volta, rimarrete sorpresi! Rescue Ink è una banda di motociclisti impegnati in una missione seria: STOP AGLI ABUSI SUGLI ANIMALI.

Ex praticanti di bodybuilder, investigatori, agenti militari e persino avvocati, si sono uniti per questo unico scopo e condividono tre cose: amano la motocicletta, odiano chi maltratta gli animali e cosa più importante, non accettano che venga fatto loro del male! Così, questi giganti buoni, come sono stati ribattezzati, quando vengono a conoscenza di una situazione di violenza e maltrattamento di un proprietario, verso il proprio animale, intervengono senza pensarci due volte, a costo di dover buttare giù le porte della abitazioni. Quando portano via un cane, gli tolgono una famiglia e quindi, dopo provvedono anche a trovargliene un’altra, una amorevole, una vera!

“Ad alcune persone piace pensare a noi come supereroi. La verità è che siamo super amanti degli animali. Nel corso degli anni, e in molti casi, con franchi ostacoli e sfide, rimaniamo forti e dediti alla nostra missione “, hanno raccontato.

Questi giganti buoni ricevono  tra 1 e 3.000 e-mail al giorno, provenienti da tutto il mondo, che segnalano casi di crudeltà o di abbandono degli animali.

Tra tutte queste scelgono le più gravi, quelle che hanno la priorità, poi salgono sulle loro motociclette e si recano sul posto.

Quando la banda di motociclisti si trova di fronte a reati gravi come la crudeltà nei confronti degli animali, per prima cosa effettuano un’indagine approfondita della situazione e si assicurano di localizzare l’animale, poi entrano in contatto con la polizia o altre forze dell’ordine, che sono a conoscenza del loro lavoro.

Ma questi angeli non salvano la vita solo ai cani e ai gatti! Da quando hanno scelto di dedicare la loro vita agli animali, hanno salvato la vita di una jiboia, pesci, galline, cavalli, maiali e persino lucertole barbute!

Questi uomini corpulenti forniscono il fattore intimidatorio per gli aggressori di animali che non hanno necessariamente paura dei poliziotti.

“Diciamo solo che un agente va a casa di un aggressore, parcheggia in una macchina della polizia e immediatamente l’assalitore conosce i limiti dell’ufficiale, ma quando ci fermiamo, non sanno cosa faremo, non sanno cosa siamo capaci di fare. Quindi questo aiuta molto. “

Quando non dedicano la loro vita a salvare animali, si recano nelle scuole e nei luoghi pubblici, per diffondere il loro messaggio e sensibilizzare l’animo umano.

Cosa dire, due sole parole: COMPLIMENTI E GRAZIE!