“Nessuno fa niente, perché lei non è un essere umano…”

Janessa, figlia di Amanda McGregor, è un’amante delle escursione e da oltre cinque anni è abituata a portare con se il suo cane, Louise. Un giorno, come loro solito, sono uscite per andare in una montagna, ma la domenica dovevano tornare a casa…

Arrivata la sera, Amanda non le vide arrivare, così iniziò a preoccuparsi, solitamente non tardavano mai. Ha provato a chiamare un altro escursionista, che le ha detto che Louise si era fatta male e che quindi, la figlia Janessa, non riusciva a portarla giù da sola, visto che pesava troppo, ma non voleva lasciarla lì, a soffrire.

Amanda e il marito hanno chiesto aiuto alle autorità, ma gli è stato negato perché Louise non è un essere umano. Così hanno pensato di chiedere l’intervento dei volontari, che sono partiti il mercoledì mattina:

La cucciolotta non riusciva a camminare e quindi dovevano aspettare altri volontari che erano dietro con la barella. Finalmente dopo tre giorni in montagna, soli e senza ne acqua, ne cibo, sono riusciti a salvarle. Quando sono andati dal veterinario, però, questo li ha informati che doveva essere ricoverata e curata per via delle sue ferite, ma la permanenza aveva un prezzo troppo alto per la famiglia.

La comunità quando ha sentito questa storia, non si è tirata indietro, tutti insieme hanno raccolto i soldi di cui avevano bisogno e sono andati direttamente dal veterinario, che aveva già curato Louise ed era sano e salvo!

Questo si che è amore verso un amico a quattro zampe!

Moglie chiede l'eutanasia per il gatto mentre il marito è in ospedale

Telecamera di sicurezza immortala un bambino fantasma e il suo animale domestico

Il video commovente di Dave: mamma mucca si riunisce con il suo vitellino

La nuova vita nelle Filippine del cane randagio con rogna

La storia di Lora, la randagia trovata in gravi condizioni

Il salvataggio di una cagnolina abbandonata con i suoi cuccioli (VIDEO)

Beagle vuole giocare con l'amico