Nessuno voleva Ivor perché era disobbediente ma il povero cane era sordo

Home > Animali > Nessuno voleva Ivor perché era disobbediente ma il povero cane era sordo

Per i primi sette mesi della sua vita, Ivor il cucciolo ha vissuto uscendo e rientrando nel canile. Era stato trasferito in cinque diverse case – e alla fine del 2017, era tornato alla RSPCA locale, di nuovo riportato in canile per la sesta volta. Le persone che lo hanno restituito hanno detto la stessa cosa che avevano detto quelle prima di loro: che era un cucciolo disobbediente.

Non era una cosa normale e i volontari hanno deciso di indagare e così hanno scoperto il motivo del comportamento di Ivor: il cucciolo era sordo. Senza sapere che era sordo, le famiglie che lo adottavano lo riportavano indietro. Fortunatamente, i volontari hanno iniziato ad insegnargli il linguaggio dei segni… e il suo comportamento è cambiato. Subito dopo fu messo in adozione e incontrò la donna che sarebbe presto diventata sua madre: Ellie Bromilow. La donna si innamorò di lui non appena lo incontrò, e non passò molto tempo prima che il resto della famiglia accettasse di adottarlo. “Aveva già imparato il comando segno per ‘sedersi’ e ‘vieni’ da parte del personale presso il centro RSPCA, ma ora sa molti altri comandi ancora, come ‘Sdraiati,’ ‘fermo’, ‘basta’ e sta imparando ‘rotola”, ha detto Ellie.

Ivor è un cane molto intelligente: ho solo avuto bisogno di essere aiutato a conoscere il mondo nel suo modo unico.

E a causa della sua disabilità, i suoi altri sensi (vista, odore e tatto) sono molto più intensi.

Gli piace soprattutto usare il suo naso affilato per ricercare i manicaretti che sua madre nasconde in giro per la casa.

“Avere un cane sordo è come avere un cane normale”, ha aggiunto Bromilow.

“Io parlo molto con lui e lui sembra capirmi. È meraviglioso.”