Cose che danneggiano il tuo cane: il rimprovero

Coloro che hanno un cucciolo a casa conoscono bene il suo sguardo quando ha combinato qualche guaio. Il senso di colpa quando fanno le marachelle è sempre lo stesso: uno sguardo triste, la testa china, le orecchie piatte, la schiena curva e la coda tra le gambe. Se il nostro cane fa tutte queste cose, sembrerebbe che abbiamo un cane con sensi di colpa.

Mentre molti proprietari di cani credono che il loro cane mostri un vero rimorso per aver defecato nella stanza o per aver rotto il sacco della spazzatura in cucina, gli psicologi del comportamento animale affermano che questo atteggiamento è più un atto di sottomissione che un’ammissione di senso di colpa. In un recente articolo sulla rivista Psychology Today, il biologo, Nathan H. Lents, ha descritto questo atteggiamento canino come qualcosa chiamato “l’arco delle scuse” che è molto simile a quello che fanno di solito i nostri cuccioli. Questo comportamento viene stato appreso, per esempio, dai cuccioli di lupi nelle prime fasi dell’integrazione sociale. Quando un cucciolo di lupo morde troppo forte qualcuno nel suo branco mentre gioca, si sentirà temporaneamente respinto dal resto del gruppo. Al fine di recuperare la buona volontà della mandria, il cucciolo impara ad avvicinarsi con un “arco di scuse”. Quando i nostri cani mostrano questo comportamento, stanno reagendo al nostro tono, al linguaggio del nostro corpo e all’energia che trasmettiamo…

ACQUISTA TAPPETINO FRESCO


Secondo la ricerca, lo faranno a prescindere dal fatto che ci abbiano disobbedito o no, dimostrando che essi capiscono che di essere rimproverato e puniti ma non necessariamente capiscono quello che hanno fatto per meritare una punizione.

Ecco perché non possiamo parlare di senso di colpa.

Quindi pensaci due volte quando lo rimproveri e non agire impulsivamente.

Il tuo cane starà zitto e con le orecchie basse senza sapere però perché viene sgridato, dal momento che “quell’arco di scuse” è il suo modo di dire: “Mi si spezza il cuore quando sei arrabbiato con me. Possiamo essere di nuovo amici? “