Oliver, il pitbull calvo

Lo sguardo negli occhi di Oliver era di sconfitta. La sua pelle era di un rosso acceso e aveva perso quasi tutti i suoi peli. Aveva dei graffi e delle piaghe su tutto il corpo perché si grattava… ma il prurito non gli dava tregua. Stava dentro quella gabbia, tremando dalla paura e preoccupato per quello che stava per succedergli.


Un buon samaritano l’aveva appena trovato che vagava per le strade della città e lo aveva portato a Chicago Animal Care and Control. Nessuno sapeva da quanto tempo il cane di un anno era là fuori, sulle strade – ma era chiaro che nessuno si occupava più di lui da molto tempo. “Soffriva del peggior caso di rogna che io abbia mai visto”, ha detto Stephanie Lee, una volontaria del rifugio. “Mi sono avvicinata alla sua gabbia e ho letteralmente iniziato a piangere. Stava tremando e leccandosi le zampe … Diverse macchie sul suo corpo stavano sanguinando perché si era grattato a lungo e molte ferite erano infettè.” Fu allora che Lee si unì a Tanner Smith, un’altra volontaria della Humane Society della contea di Knox, per far uscire Oliver dal rifugio e trovargli uno stallo temporaneo nella casa di un’amorevole famiglia.  “Quando l’ho visto per la prima volta, mi sono subito innamorato”, ha detto Smith. “Sembrava così sofferente. Sapevo che dovevamo aiutarlo.” Nonostante il dolore di Oliver, era chiaro sin dall’inizio che tutto quello che voleva quel cucciolo era essere amato. Quando i volontari del rifugio si sono seduti a terra accanto a lui, ha iniziato a rotolare e la sua coda non smetteva di scodinzolare. I volontari non conoscono il suo passato ma sono convinti che Oliver ha avuto un proprietario. “Non era malnutrito quando è stato trovato”, ha detto Lee. “Probabilmente lo hanno abbandonato quando hanno visto che la sua pelle non migliorava.” Dopo un controllo veterinario completo, a Oliver è stata diagnosticata la rogna demodetica e infezioni secondarie della pelle. Lee e suo marito, Johnny, hanno portato Oliver nella loro casa il 4 aprile. “Era così a disagio che si limitava a girarsi e rigirarsi tutta la notte”, disse Lee. “Davvero non ha dormito bene per un po’.” Lee faceva ogni giorno dei bagni delicati ad Oliver con uno shampoo medicato che gli aiutava a ripulire la pelle e, in seguito, usava varie lozioni e l’olio di cocco per lenire l’irritazione. “Quasi tutti i cani cercherebbero di sfuggire al bagno o si sentirebbero davvero stressati”, ha detto Lee. “Ma Oliver si sedeva lì con molta calma, come se sapesse che stavo cercando di aiutarlo. È stato davvero fantastico.”

Dopo circa quattro settimane di bagni quotidiani, unguenti e medicinali, Oliver ha finalmente fatto un passo avanti.

La sua pelle orribilmente irritata aveva iniziato a schiarirsi e migliorare il suo aspetto.   

“Ha smesso di cercare di grattarsi il suo corpo ovunque per ottenere sollievo”, ha detto Lee. “Voleva l’amore. Voleva giocare. Voleva fare passeggiate. È stato bello vederlo comportarsi come un cane normale e felice.”

Con il passare dei giorni, Oliver continuava a migliorare sempre di più. Divenne ossessionato dai giocattoli e iniziò persino a correre con Lee.

Era eccitato all’idea di incontrare nuove persone e altri cani. “È solo un grande cucciolone che vuole giocare”, ha detto Lee.

“Ma può essere super affettuoso e coccoloso.” Dopo sei settimane con i suoi genitori adottivi, Oliver è finalmente privo di rogna e sano.

Ora sta cercando la famiglia perfetta con cui passare i suoi giorni – un momento in cui Lee e Smith stanno aspettando con ansia.

Dopo aver visto la forte volontà di Oliver di riprendersi, non vedono l’ora che arrivi finalmente la famiglia amorevole che si merita.

“È come se provasse l’amore per la prima volta”, ha detto Smith. “E ama tutti”.