Pagheremo per tutto quello che facciamo agli animali

Home > Animali > Pagheremo per tutto quello che facciamo agli animali

Avere un animale domestico a casa significa avere compagnia, amore e divertimento ma richiede anche, da parte degli esseri umani, una grande responsabilità nella sua cura e per garantire il suo benessere e una vita felice.

Sfortunatamente, in alcune parti del mondo ci sono persone che usano i cani e i gatti come cibo. Le leggi lì non lo vietano e, prima di indignarci, ricordiamoci che anche noi consumiamo la carne di alcuni animali come agnelli, conigli, vitelli, maiali e galline… e questo non fa di noi persone migliori.

Trovandoci a distanza e sapere di non poter fare molto è brutto ma immaginate quanto è difficile trovarsi lì, sul posto e non poter fare nulla per cambiare le cose. Abbiamo deciso di raccontarvi questa storia perché pensiamo che unendo le nostre forze possiamo far cambiare le cose. Dobbiamo boicottare come turisti i posti dove accadono queste cose.

A raccontare questa storia è Surabhi Jaiswar, un fotografo di 27 anni, che ha catturato con la sua macchinetta fotografica una scena straziante. Surabhi stava prendendo un caffè quando ha notato un cane legato e buttato sul tetto di un furgone che transitava sulla strada che porta da Kohima a Dimapur in Nagaland, nel nord-est dell’India. Era in mezzo alle valigie, ai materassi e ai pneumatici e sembrava conoscere il suo triste destino.

Aveva visto qualcosa che si muoveva e quando si è avvicinato ha capito che si trattava di un cane. Surabhi non poteva crederci. Ha chiesto al bar e gli hanno detto che in quella zona alcuni consumavano la carne di cane. L’uomo ha provato a comprare il povero animale, offrendo dei soldi al proprietario ma l’uomo che guidava la macchina ha declinato qualsiasi offerta.

La donna ha detto che era il suo animale domestico ma dal modo in cui lo teneva legato era chiaro che non era trattato come un animale domestico ma come cibo…

“Mi sono offerto di comprare il cane. L’autista si avvicinò e lo pregai di vendermelo, ma non accettarono i miei soldi. Mi hanno semplicemente ignorato. Ho chiesto aiuto ma è stato invano. “

Tornò alla mensa e il proprietario le disse che accadeva tutto il tempo. Ha confermato che in quei posti mangiano la carne di cane.

Il fotografo era totalmente distrutto. Sentì un dolore profondo e la più grande sensazione di impotenza che mai sperimentata nella sua vita… non c’era niente che potesse fare. Poteva solo vedere come si allontanavano con il cane legato sul tetto.

Questa esperienza drammatica ha motivato Surabhi ​​a saperne di più su questo argomento e ha visitato il mercato locale Budh Bazaar, dove la carne di cane viene regolarmente commercializzata e dove ha visto tantissimi animali preparati per la macellazione.

Surabhi è una grande amante degli animali e non può concepire che tutto ciò accada. Spera solo che queste immagini aiuteranno gli attivisti animali nella loro lotta.

Purtroppo più di 30.000 cani perdono la vita ogni anno per diventare cibo nel Nagaland e negli Stati limitrofi. Secondo gli attivisti locali e i difensori dei diritti degli animali, uccidere i cani per mangiare la loro carne è illegale in India; tuttavia, è una pratica comune in alcuni posti rurali nel nord-est. Molti di loro credono che la carne di cane abbia un valore medicinale.

Condividete per far conoscere al mondo quello che succede in quei posti…