Pitbull legato a un albero per diversi giorni, salvato da una volontaria

Un pitbull è stato trovato incatenato a un albero, multato il proprietario.

Home > Animali > Pitbull legato a un albero per diversi giorni, salvato da una volontaria

Indipendentemente dalla razza, tutti i cani hanno bisogno di fare attività fisica, giocare e convivere con gli esseri umani e altri animali. Tuttavia, alcune persone non capiscono cosa significhi rispettare gli animali e li trattano come oggetti, condannandoli alla sofferenza.

Sfortunatamente, questo è successo a Max, un pitbull trovato nel New Jersey, incatenato ad un albero. Era legato così saldamente che non aveva lo spazio per muoversi. Inoltre, il povero cane non aveva né acqua né cibo ed era seduto sui suoi stessi rifiuti giorno e notte.

Una notte di fine settembre, la volontaria Kerry Haney ha ricevuto chiamate e messaggi con cui la avvisavano della situazione di Max. In un’intervista rilasciata a The Dodo, Kerry ha raccontato: “Ho ricevuto sei telefonate, una decina di sms e centinaia di tag su Facebook su un cane, incatenato con un lucchetto a un albero a Swedesboro, affmato. La sua testa era chiusa con un lucchetto in una posizione per cui non poteva spostarsi neanche di un centimetro. Non c’era cibo né acqua ed era seduto sulle sue stesse feci e urine. In pigiama, mi sono recata all’indirizzo che mi era stato segnalato per vedere se quel cane fosse effettivamente là”.

Nel bel mezzo della notte, quindi, Kerry si è recata all’indirizzo ma non ha trovato il proprietario, così ha chiamato il dipartimento di polizia di Woolwich Township, che era già al corrente della situazione e che stava risolvendo il problema.

“È stato un po’ doloroso – ha dichiarato la volontaria – perché siamo dovuti stare seduti per qualche giorno al buio mentre la polizia faceva accuratamente ciò che doveva fare per sottrarre il cane al proprietario”.

Fortunatamente, la polizia è riuscita a portare Max al Gloucester County Animal Shelter. Dopodiché il proprietario è stato riconosciuto giustamente colpevole di abusi e multato.

Il rifugio di Kerry voleva ottenere la custodia di Max ma quello municipale voleva fare lo stesso dopo che al cane è stata diagnosticata la filaria (malattia veicolata dalle zanzare) e dopo il fallimento di alcuni test comportamentali di base. L’associazione della donna, però, è riuscita ad avere il cane.

“Max è un cucciolo nel corpo di un cane grande – ha svelato Kerry – non ha mai potuto giocare da cucciolo, quindi ha la stessa energia e giocosità di un cucciolo di poche settimane. Non ha ancora le buone maniere ma ci stiamo lavorando”.

Il comportamento di Max è stato causato dal lungo tempo trascorso in catene e dall’incapacità di muoversi. Ora, Kerry ha il compito di insegnargli quanto sia bello essere un cane in una casa amorevole, pronto per essere adottato da una famiglia.

“È un grosso cucciolo, ama giocare – ha aggiunto Kerry – più di qualsiasi altro cane che abbia mai visto. Non abbaia mai al postino o ai bambini che passano davanti a lui, è un vero piacere averlo accanto”.

Anche se il suo passato è stato orribile e solitario, con solo un albero come ‘compagno’, Kerry ha fatto in modo che il futuro di Max sia promettente e crede che porterà alla famiglia che lo adotterà tanto amore.