Pitbull resta accanto alla bambina autistica per due giorni in un bosco del Kentucky

Davvero una storia commovente.

Charlee Campbell è una bambina di appena 2 anni, scomparsa nel nulla mentre si trovava a casa della nonna. Per 36 ore si sono perse le tracce di questa piccola bambina che soffre di autismo. Tutti erano a cercarla, servizi di emergenza e volontari, sembrava sparita nel nulla.

Nessuno avrebbe mai pensato di trovarla insieme a un pitbull che non l’ha mai lasciata da sola. I ricercatori hanno cercato la bambina nei boschi intorno alla casa della nonna, prima di ritrovare la piccola sana e salva 36 ore dopo. La famiglia della bambina è certa che Penny, il pitbull che vive con loro, le abbia salvato la vita, rimanendo al suo fianco per tutto il tempo della sua scomparsa. Beth Campbell, nonna di Charlee, ha raccontato: “Ecco chi è il nostro eroe”. Il cane è riuscito a ritornare alla casa della nonna e a portare i soccorritori nel posto dove si trovava la bambina. Si ritiene che il cane non abbia lasciato da sola la piccola per tutto il tempo della scomparsa, ben sapendo che aveva bisogni particolari. Lo sceriffo della contea era senza parole: “Non posso credere che sia sopravvissuta. Ci sono coyote in queste colline, ragni, serpenti a sonagli, zecche”.

La bambina, tutto sommato, non è tornata a casa troppo sofferente, un vero e proprio miracolo.

La bambina è stata trasportata poi in ospedale, per una valutazione, ma stava bene. Non aveva ferite evidenti, tranne qualche graffio e qualche morso di zecca.

Ovviamente è in corso un’indagine in merito alla scomparsa della bambina, che si è allontanata da sola dalla casa della nonna senza che nessuno se ne accorgesse.

Ma accanto a lei aveva un vero e proprio angelo custode a quattro zampe, che si è presa cura di lei nel momento in cui aveva più bisogno di aiuto.

La famiglia gliene sarà sempre grata.