Povero Jack, che brutta verità!

Home > Animali > Povero Jack, che brutta verità!

Questo piccolo Jack Russell ha un passato nascosto, venne ritrovato fuori la casa di un giovane malato di mente, il ragazzo venne portato in un istituto per essere recuperato e il cagnolino rimase così fuori la porta. Ad oggi dobbiamo dire per fortuna…Arrivò in rifugio con una strana malformazione in testa…

Le ragazze cercarono di capire, tra botte e altre ipotesi si intuì comunque che il piccolino aveva subito dei maltrattamenti. Tutto sommato stava bene, un po denutrito e impaurito ma era sicuramente recuperabile. Durante le prime medicazioni della testa, al veterinario venne un dubbio molto grande, ma ad oggi risulta essere una certezza più che un dubbio. I fatti si svolsero così, era un pomeriggio, una volontaria prende la borsa e tira fuori il pacchetto di sigarette, in quell’istante diventa tutto molto chiaro, Jack, piange, si sdraia a terra e piange come un bambino, lecca il pavimento in un gesto di pura isteria, allora la volontaria prende la sigaretta, spenta, si avvicina, voleva esserne certa…Quello che ha fatto il piccolo ha straziato i loro cuori. Le convulsioni hanno invaso il suo piccolo corpicino, il cane era usato dal giovane come posacenere, in testa aveva cicatrici riaperte di continuo dalle ustioni! Da quel momento il suo recupero è stato tutto in discesa, ha iniziato a fidarsi degli umani, il guinzaglio non era più un’arma ma l’anticipo di qualcosa di molto bello, le passeggiate erano un premio continuo. Di lì a poco è arrivata anche una famiglia che, ascoltando la sua storia e vedendolo così piccolo ha deciso che il posticino in casa per lui c’era.

Jack oggi vive al calduccio vicino al camino

Non ha più paura di nulla, o quasi..

Ma anche quel poco che è rimasto si supererà con l’amore e la pazienza…

Non abbiamo neanche da dire troppo sul giovane, è malato anche lui, ma questo deve far capire l’importanza del fatto che quando un cane viene maltrattato da un umano, questo ha dei problemi seri e gravi, questa ne è la prova