Quello che trovano nel suo sangue, ha spezzato i loro cuori

Home > Animali > Quello che trovano nel suo sangue, ha spezzato i loro cuori

L’ultima e scioccante scoperta della Umane Society degli Stati Uniti, riguarda i Greyhound, i levrieri. Sono una razza di cani comunemente usati per le corse. Sappiamo benissimo che spesso, gli allenatori, pur di spingere i cani al massimo e vincere le gare, arricchiscono la loro dieta, con la somministrazione si farmaci.

Ma questa volta, sono andati oltre ogni limite. Tutto è iniziato grazie al ritrovamento di Flicka, un levriero corridore di ben 169 gare. Il cane è risultato positivo alla cocaina. E purtroppo, si è scoperto che non era l’unico animale vittima di queste atrocità. Il risultato delle analisi è stato il più grande shock sugli abusi degli animali degli ultimi tempi. La cosa peggiore, è che accadevo molto frequentemente. L’indagine ha proceduto in silenzio per un po’. Sulla pista Orange Park in Florida, sono più di 12, i levrieri risultati positivi. Il loro allenatore è stato sospeso e i cani tolti dalla sua custodia e così continuerà ad essere, fino alla fine dell’indagine. Questo accade perché, purtroppo, le strutture di regata di levrieri in Florida, non sono nemmeno obbligate a segnalare le ferite riportate durante le corse. “La legislazione deve cambiare”. Alle femmine vengono somministrati spesso steroidi, per impedire loro di entrare in calore e questo, nel tempo, causa gravi problemi alla loro salute. La maggior parte dei levrieri da corsa, sono costretti a stare fino a 20 ore al giorno, in una gabbia ristretta, i cani più grandi non possono nemmeno alzarsi in piedi. Se sono fortunati, quando non sono più buoni al loro scopo, vengono portati nei rifugi già sovrappopolati.

E’ una pratica che deve essere fermata e deve essere fatto subito!

A questo scopo, l’associazione animalista, ha creato una petizione online, coinvolgendo l’intero mondo.

Per chi vuole lasciare la propria firma, può farlo cliccando QUI.

Condividete, raccogliamo più firme possibili. Urliamo BASTA anche noi!