Radar, il vecchietto di 20 anni tradito dal suo umano

Radar aveva 20 anni quando è stato portato in canile. Ma la cosa peggiore è stata la richiesta che ha fatto il suo proprietario ai volontari. Ecco cosa voleva l'uomo.

Home > Animali > Radar, il vecchietto di 20 anni tradito dal suo umano

Radar è un cane di 20 anni che avrebbe voluto finire la sua vita accanto al suo papà umano. Gli è stato fedele per tutta la sua vita e l’ha amato come solo un cane può amare. Ma questo, evidentemente, non era abbastanza. L’uomo ha deciso di portarlo in canile e chiedere per lui, come “regalo” l’eutanasia.

All’inizio di ottobre, quando Radar è arrivato all’Harris County Animal Shelter, i lavoratori del rifugio hanno ricevuto una richiesta insolita da parte del suo proprietario – questa persona ha chiesto che il cane di 20 anni venisse soppresso. Ma i volontari non hanno visto un cane malato che stava soffrendo. Quello che avevano davanti a loro era un vecchio cane che non sapeva cosa avesse fatto di sbagliato o perché fosse improvvisamente così lontano da casa sua. Ma per poter continuare a vivere, Radar doveva uscire dall’ambiente rumoroso del rifugio e trovare un posto che potesse offrirgli cure e attenzioni adeguate. Quindi i lavoratori del rifugio hanno inviato un appello su Facebook.

“A volte gli animali entrano nel rifugio e tu sei lì, senza trovare le parole. Questa è una di quelle volte”, ha scritto Harris County Animal Shelter su Facebook. “Questo piccolo orsetto che assomiglia a un peluche Ewok è Radar. È evidente vedere che Radar è terrorizzato, confuso e si chiede dove sia andata a finire la sua famiglia.”

La storia straziante di Radar si diffuse rapidamente, raggiungendo una volontaria di Animal Justice League, un gruppo di soccorso con sede a Houston, in Texas.

Radar

“In realtà eravamo nel bel mezzo della nostra riunione mensile e un volontario ci ha taggato sul post di Facebook”, ha detto a Jennifer Graves, presidente del consiglio di salvataggio. “Abbiamo immediatamente (e all’unanimità!) convenuto che non potevamo permettere a questo cucciolo anziano di passare un altro minuto nel rifugio”.

“Sapevamo che se doveva attraversare il Ponte dell’Arcobaleno, doveva farlo in una casa, con dignità e non nel rifugio dove lo aveva portato il suo proprietario”, ha aggiunto Graves. Radar fu immediatamente portato a un veterinario locale, dove uscirono alla luce le prime menzogne raccontate dal suo ex proprietario. Il veterinario ha scoperto che Radar aveva tra i cinque e gli otto anni meno dell’età dichiarata nei documenti di ingresso nel rifugio ed era chiaro che Radar non aveva avuto una vita facile. La pelliccia arruffata del cane e le unghie cresciute a dismisura suggerivano che era stato stato trascurato. Sotto il suo manto sporco si nascondeva la fragile struttura di un cane estremamente malnutrito.

“Le sue ossa sporgono e le sue zampe posteriori hanno un pessimo tono muscolare, che potrebbe derivare da un trauma, dall’età o forse perché ha passato molto tempo rinchiuso in una gabbia minuscola”, ha detto Graves. Ma nonostante il suo passato difficile, Radar desiderava ancora di ritornare dalla sua famiglia.

Dr. Moore ha detto: “Sembra che stia ancora cercando i suoi proprietari dal modo in cui stava annusando alla ricerca di un odore familiare. Quando non trovava nessun odore conosciuto, sceglieva una persona e si accoccolava accanto a lei, il più vicino possibile.”

I test hanno rivelato che Radar aveva la febbre, un’infezione gastrointestinale e un significativo soffio al cuore.

Il veterinario gli ha prescritto antidolorifici e antibiotici e, in meno di una settimana, la sua salute è migliorata significativamente.

Ora Radar sta finalmente ottenendo l’attenzione che merita nella sua nuova casa adottiva.