Rara tartaruga di mare trovata senza su una spiaggia in Alabama

Sono a rischio!

Su una spiaggia dell’Alabama, a Fort Morgan, una povera tartaruga di mare, una tra le specie più rare tra le tartarughe marine, è morta a causa dell’inciviltà dell’uomo. E’ una specie in via di estinzione e i comportamenti umani mettono ancora più a rischio la sua esistenza. Questo esemplare è stata trovata spiaggiata con una sedia da spiaggia aggrovigliata intorno al collo.



ACQUISTA TAPPETINO FRESCO

Richard Brewer, residente a Dauphin Island e volontario con Share the Beach, un’organizzazone in difesa delle tartarughe marine, parla di una scena davvero straziante. Se non fosse per l’uomo, quella tartaruga non sarebbe mai morta così.

Secondo il National Geographic, questa tartaruga è a rischio estinzione a causa di un eccesso della raccolta delle loro uova. Anche se i loro terreni di nidificazione sono protetti e nonostante tutti gli accorgimenti, queste tartarughe sono a rischio.

Dal 2011 ci sono stati 20.570 nidi documentati in Messico, 199 negli Stati Uniti, principalmente in Texas.

“Le tartarughe marine sono importanti e dobbiamo proteggerle. E’ straziante sapere che è morta per qualcosa che avremmo potuto prevenire. Stamattina abbiamo ricevuto grandi notizie, con il primo di nido mai trovato sull’isola Dauphin, ma abbiamo poi scoperto che sulla spiaggia c’era una femmina adulta appena morta”. Da quella che poteva essere una bella notizia, alla scoperta tragica della morte di una piccola tartaruga.

Il volontario e altri ambientalisti esortano i bagnanti a non lasciare tracce quando vanno in spiaggia. “Vieni in spiaggia, divertiti, trascorri del tempo piacevole. Assicurati di averla lasciata pulita, meglio di come l’hai trovata”. Purtroppo i volontari lo devono ricordare di continuo alle persone.

“Questo mi rende molto arrabbiato. Quante centinaia di volte dobbiamo chiedere alle persone di raccogliere le loro cose? Dovrebbe essere solo buon senso e decenza comune. Penso che lo stamperò e lo porterà con me la prossima volta che lo devo ricordare”.