Roberto Hernandez: 364 anni di prigione per un gatto

Roberto Hernandez: 364 anni di prigione per un gatto che ha bruciato vivo quando aveva solo 17 anni; solo adesso sono stati resi pubblici i fatti.

Home > Animali > Roberto Hernandez: 364 anni di prigione per un gatto

Roberto Hernandez: 364 anni di prigione per un gatto che ha dato alle fiamme nel 2016. È stata questa la decisione dei giudici nel processo contro un ragazzo di 19 anni accusato di aver dato alle fiamme un gatto vivo che poi ha gettato in pasto ai suoi pitbull. Ecco come sono andate le cose.

Roberto Hernandez ha solo 19 anni ed è già accusato di uno dei delitti più atroci di crudeltà sugli animali negli Stati Uniti. Nel 2016 una telecamera di sorveglianza ha ripreso Hernandez, che all’epoca aveva 17 anni, mentre dava fuoco a un gatto infilato in una gabbia e lo dava in seguito in pasto ai suoi cani. Nel filmato delle telecamere di sorveglianza si vede Hernandez versare un liquido sopra il gatto e poi con dei fiammiferi, dargli fuoco. Il gatto ha preso fuoco e ha iniziato ad agitarsi freneticamente, “con estremo dolore e sofferenza cercando di scappare mentre bruciava vivo”, ha detto il rapporto di arresto.

adolescente

“Era molto divertito mentre bruciava il gatto”, ha affermato Marlene Gonzalez, che vive nelle vicinanze ed è la proprietaria della telecamera di sicurezza che ha registrato l’accaduto.

“L’imputato non si è fermato qui”, ha scritto l’avvocato di Miami-Dade, Nicole Garcia. “Nel video si può vedere come apre la gabbia, afferra l’animale bruciato e lo getta ai suoi pitbull per finirlo e smaltire i suoi resti”.

Poiché Hernandez era minorenne quando si è verificato il crimine, finora nulla poco è stato rivelato sul suo caso.

Babelin Rodriguez, la nonna di Hernandez, sostiene che l’animale nella gabbia era in realtà un procione che stava mordendo le gambe della gente del vicinato.

Roberto-Hernandez

Che l’animale fosse o meno un gatto o un procione, non conta molto: le leggi sulla crudeltà sugli animali in Florida si applicano a chiunque abbia causato “dolore e sofferenza ingiustificabili” a qualsiasi creatura vivente.

scena-gatto-gabbia

L’educazione di Hernandez è stata tirata in ballo dagli avvocati della difesa che hanno sostenuto che crescere con un padre violento ed essere costretti a lasciare la scuola per lavorare nella fattoria di famiglia abbiano influito negativamente sul suo sviluppo e lo hanno portato fuori strada. Gli avvocati hanno aggiunto che Hernandez, nella fattoria, si occupava principalmente delle galline ovaiole, sebbene gli investigatori avessero trovato anche un’arena per i combattimenti tra galli e alcune gabbie di galli.

“Anche se non fosse a conoscenza delle leggi che condannano la crudeltà sugli animali, avrebbe dovuto essere istintivamente cosciente alla sua età che bruciare un animale vivo è sbagliato”, ha scritto Garcia. “Sembra che non abbia alcun riguardo per il dolore e per la sofferenza degli animali.”

I pubblici ministeri nel caso hanno richiesto per Hernandez una condanna di almeno 364 anni di prigione. La prossima udienza è prevista per il 14 marzo.