Salvano un cane e lui salva la loro vita

Home > Animali > Salvano un cane e lui salva la loro vita

Adottare un animale in un canile può portare immensa felicità nella tua vita; in alcuni casi, questi animali salvati, però, finiscono per “salvare” i loro proprietari. Due anni fa, Anne e Vic Tenaglia di West Chester, in Pennsylvania, decisero di adottare un cane del Brandywine Valley SPCA. Il pitbull terrier di due anni di nome Jingles era stato salvato da un giro di combattimenti di cani insieme ad altri 11 cuccioli.

Jingles era un cane dolce ed era stato maltrattato; era molto sottopeso, coperto di ferite e soffriva di ansia. Per affrontare lo stress si era rosicchiato le sue stesse zampe e la coda. Quando venne a vivere con Anne e Vic, Jingles si era masticato talmente la coda, che correva il rischio di morire per colpa delle infezioni. A causa della reputazione sfavorevole dei pitbull, Anne era esitante a prendere Jingles in un primo momento – ma una volta che ha visto quanto il cucciolo aveva bisogno di aiuto, sapeva che non poteva lasciarlo nel rifugio. Sfortunatamente, una volta che Jingles venne a vivere con la sua nuova famiglia, era ancora molto stressato. Continuò a masticare la coda e mostrare altri segni di ansia, e i Tenaglia sapevano che dovevano fare qualcosa per aiutarlo a far fronte. Così hanno iniziato a camminare con lui. Anne e Vic notarono subito che l’intera personalità del cane cambiava quando lo portavano a fare passeggiate di tre chilometri ogni giorno. Le camminate fermarono la sua abitudine di masticare coda e zampe e le sue ferite guarirono e sembrava più felice di quanto non fosse mai stato. “L’unica cosa che lo calmava era camminare. Lo facevamo uscire anche quattro, cinque o sei volte al giorno”, disse Anne. Ma i coniugi Tenaglia non sapevano che il cane aveva una sorpresa per loro. Per anni, Anne ha sofferto di problemi cardiaci come l’ipertensione, la fibrillazione atriale e un battito cardiaco irregolare.

Era abituata ad andare in ospedale un paio di volte all’anno per farsi controllare il cuore, ma dal momento che Jingles arrivò a casa loro, non ha più avuto problemi.

“Noi gli abbiamo salvato la vita, ma ci piace dire che lui ha salvato la nostra”, ha detto Anne.”

“I miei muscoli sono più sviluppati e non devo prendere più farmaci antidolorifici […]”

“Mi ha aiutato con il mio peso e mi ha aiutato con il cuore”.