Scout e la sua speciale scoperta

Un cagnolino di nome Scout fa una scoperta speciale nel guardino della sua casa

Home > Animali > Scout e la sua speciale scoperta

Era un normalissimo giorno, quando un uomo di nome Kirk Lacewell, ha visto il suo cane, un cucciolo di otto mesi di nome Scout, comportarsi in modo strano nel loro giardino. Stava scavando, quindi inizialmente ha pensato che stesse riprendendo o nascondendo uno dei suoi amati giochi.

Ma in realtà il piccolo Scout aveva trovato qualcos’altro e se ne era perdutamente innamorato! Quando Kirk ha visto di cosa si trattasse, ha subito dedotto che fosse un pezzo di legno o di roccia, ma in realtà il suo cane aveva appena fatto una scoperta straordinaria! Quello era un  dente di mammut fossilizzato di 13.000 anni fa. E’ riuscito ad arrivare a quella conclusione, perché analizzandolo bene, ha pensato che potesse essere un pezzo di osso di qualche animale, così ha inviato delle foto ai paleontologi locali presso il Burke Museum dell’Università di Washington. Senza dubbi, questi lo hanno informato subito che si trattava del dente di un mammut, i così detti elefanti dell’era glaciale! Si sono estinti circa quattromila anni fa e quel dente ha resistito per tutti quegli anni, perché è una delle parti più resistenti del corpo, che non va a degradarsi dopo la morte. Non è una cosa rara trovare il dente di un mammut, soprattutto a Whidbey Island, dove Kirk vive. Infatti, per questo motivo, il museo non si è mostrato interessato alla loro scoperta, ne all’acquisizione di quel dente. E’ diventato, di conseguenza, un bel soprammobile per il salotto della sua casa, fuori la portata di Scout!

Di certo questa non è una delle storie che comunemente si leggono, ma ci è risultata piuttosto simpatica!

E poi, volevamo complimentarci con questo bravo cucciolone!

Non è mica da tutti diventare un archeologo peloso! Bravo Scout!

Condividete!

Se vi è piaciuta questa storia, potete leggere anche: Credeva fosse una roccia, ma dopo la nascita, il piccolo si dimena per il suo primo respiro