Snoop, il cane ferito dai petardi

Snoop, il cane ferito dai petardi è la prima vittima del Natale: ecco la sua triste storia.

Home > Animali > Snoop, il cane ferito dai petardi

Snoop, il cane ferito dai petardi, aveva avuto poco dalla vita: era un randagio e, come sapete, per i randagi tutto è molto più difficile. I fatti che vi vogliamo raccontare sono accaduti a Natale, a San Lorenzo, in Paraguay, Sud America. Il protagonista, suo malgrado, è Snoop, un meticcio di colore marrone.

Il cane è stato trovato mentre correva con il muso insanguinato in preda al panico. Gran parte del suo muso era staccata e la lingua gli penzolava… Nessuno sembra aver visto nulla ma alcuni abitanti della zona raccontano di un gruppo di bambini che giocavano con dei petardi, facendoli esplodere. Non è stato difficile, dunque, ricostruire l’accaduto. Avranno attirato il cane, con qualcosa da mangiare, gli hanno infilato un petardo in bocca e l’hanno fatto esplodere. Il povero animale, che cercava solo una carezza e qualcosa da mangiare si è ritrovato così protagonista di un incubo.

L’animale è stato portato nello studio veterinario della dottoressa Dalia Benitez. Le immagini del cane ferito sono state scattate e postate da Celeste Florentin Aponte, facendo letteralmente il giro del mondo. Sotto il post, Celeste ha scritto: “La prima vittima del Natale”.

snoop

La signora Aponte ha aggiunto: “La veterinaria Dalia Benitez l’ha visitato e ora il cane sta da lei. Dio l’aiuti perché è gravemente ferito e ha multiple fratture in bocca.”

“Quando capiranno che i petardi fanno molto male e causano molto dolore? Bisognerebbe vietarli!”

Da allora centinaia di persone hanno contattato l’associazione RSPCA per adottare il cane chiamato Snoop dai volontari.

cane-paraguay

Vi abbiamo raccontato questa storia non per farvi del male ma per farvi capire che bisogna educare i nostri figli a rispettare gli animali. Noi dobbiamo dare il buon esempio perché un bambino in grado di fare un simile gesto diventerà un adulto crudele e senza scrupoli.

Riflettete gente, riflettete!