Sparatoria a Napoli e morte del pitbull del pregiudicato

Verità sulla sparatoria a Napoli

Home > Animali > Sparatoria a Napoli e morte del pitbull del pregiudicato

Non vi mostreremo immagini, tanto le hanno messe tutti ovunque, facendo veramente prendere il mal di cuore a chi li ama e si fa in quattro per loro. Gli eventi sono questi in linea di massima. Siamo a Napoli, tra la gente…La polizia deve arrestare un pregiudicato che ha violato gli arresti domiciliari, praticamente è uscito di casa e non poteva.

Con lui, forse a guinzaglio, il più fedele degli amici, colui che non giudica, colui che non sa cosa sia giusto o sbagliato per la legge, per lui esiste solo il cuore da ascoltare, il suo amato cane. Chi ha avuto la fortuna di avere un pitbull in casa, di averlo come membro della famiglia sa cosa significa. La loro dedizione al papà e alla mamma è qualcosa che va oltre l’immaginabile.

Così quando gli agenti cercano di prendere l’uomo che, sembra, avesse già colpito un agente in volto, lui va in difesa e forse prende un poliziotto al pantalone. Nessuno pare sia stato curato per il morso del cane. L’agente spara, non una ben due volte a quel figlio peloso che cercava di liberare dai cattivi il suo più grande amore. Chi ha condannato a morte il cane non è stato il poliziotto, sicuramente spaventato, ma il suo papà.

Questo è il video che gira sul web:

 

Avere un pitbull in casa è un dono ma è una responsabilità che a pochi dovrebbe essere ristretta. Non si possono mettere tali tesori in mano a chi non ha rispetto neanche delle regole di base. Questi cani sono continuamente oggetto di storie quasi sempre concluse male. La legge dovrebbe tutelarli, impedendo agli scemi di prenderne, perché la realtà è che loro sono cani dominanti, gelosi e protettivi e se non tenuti bene, educati e socializzati, sono un’arma tremenda.

In antichità questi cani venivano regalati alle nobildonne in stato interessante, perché avrebbero protetto il nascituro a costo della vita stessa. Ma l’uomo deve rovinare tutto, anche le cose più belle!

Loro non sono questo, questo è quello che siamo noi. Speriamo che qualcuno capisca quanto sono speciali e finalmente ne prenda le difese. Non possono essere dati  a caso, non possono esserci cucciolate casalinghe di gente inesperta. Questo cane è di razza, questa razza ha delle caratteristiche che richiede intelligenza da parte del padrone…A voi le conclusioni!

Così finisce la vita di un amico.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI