Stuckie, il cane rimasto intrappolato per l’eternità

Home > Animali > Stuckie, il cane rimasto intrappolato per l’eternità

Quando i taglialegna della Georgia Kraft Corp. tagliarono il tronco di un albero di castagno per caricarlo su un camion, videro un cane da caccia marrone e bianco che li guardava dallo spazio vuoto nel tronco. Purtroppo, però, i taglialegna erano arrivati circa due decenni troppo tardi (questo accadeva nel 1980) per salvare il cane dal suo destino. Tutto ciò che restava era un cane secco, mummificato, pietrificato in un’eterna lotta per fuggire.

Era nel 1960 quando il cane si imbatté in un buco all’interno di un albero e riuscì ad infilarsi dentro e salire lungo il tronco per circa un metro e mezzo. “Era un cane da caccia, quindi abbiamo pensato che stesse inseguendo qualche animale nell’albero”, ha detto Bertha Sue Dixon, che gestisce un museo chiamato Southern Forest World. (Southern Forest World è il luogo in cui ora si trova il cane). Ma man mano che il tronco dell’albero si restringeva, il cane faceva più fatica ad entrare e, a un certo punto, rimase bloccato. Non ha mai catturato la sua preda e nessuno lo ha tirato fuori da lì. Incapace di fuggire,il cane rimase nella trappola e morì. Venti anni dopo, i taglialegna lo hanno trovato così com’era rimasto: in un eterno tentativo di scappare. Invece di aprire il tronco, lo hanno donato così com’era a Southern Forest World. “Stuckie”, come è stato chiamato il povero cane in seguito è, da allora, l’attrazione principale. Ancora oggi, i visitatori possono vedere attraverso il vetro il segugio incastrato nell’albero dove, dopo più di 60 anni, sta ancora cercando la libertà che non arriverà mai. Ma la cosa strana è come si è preservato il corpo di questo cane per così tanto tempo senza marcire. Sembra che qualcuno abbia usato una tecnica di mummificazione egiziana per preservarlo ma, in questo caso, è stata la sua tomba di legno a fare il lavoro.

Kristina Killgrove, un’antropologa e biologa dell’Università della West Florida spiega come l’albero stesso abbia conservato il cane in perfette condizioni.

Normalmente quando una persona o un animale muore, i microbi nel corpo sono lasciati ad agire senza il controllo dei normali processi biologici che li tengono a bada nelle creature viventi. Senza i soliti guardiani sul posto, i microbi iniziano a mangiare il corpo e a farlo decomporre, dando inizio al processo di putrefazione.

“Crescono, si riproducono e iniziano a prendere in consegna il corpo”, ha detto Killgrove. “Questa è la parte disgustosa. Il corpo si gonfia e decade e i batteri, i funghi, gli insetti e altri animali vengono a mangiare i resti”. Ma questo non è quello che è successo con Stuckie in quel tronco di castagno che sarebbe diventato la sua bara. La corteccia di castagno contiene il tannino, che viene usato per scurire le pelli degli animali e prevenire la decomposizione. Il tannino è un “essiccante” naturale o un materiale che assorbe l’umidità e asciuga l’ambiente circostante.

“L’ambiente a bassa umidità ha fermato l’attività microbica”, ha spiegato Killgrove. “E nessuna attività microbica significa niente decomposizione.”

Nella foto qui sotto, per esempio, potete vedere come alcune parti di questo toro morto per una malattia lontano dalla sua fattoria, in California, sono state naturalmente mummificate. Alcune parti, come il cervello e gli organi interni, si sono decomposti.

“La posizione e la forma dell’albero, con l’aria che soffiava verso l’alto, contribuì anche a mantenere Stuckie com’era”, ha aggiunto Dixon. “Aveva un effetto camino”, ha spiegato Dixon. “L’aria che saliva e usciva dall’albero ha reso il cane morto invisibile agli altri animali. Quindi tutto ciò che avrebbe potuto mangiare il suo corpo non ha mai saputo della sua presenza lì, nell’albero”, ha detto Dixon.

Tutti dobbiamo morire prima o poi ma, se ben conservati, i corpi che lasciamo possono rimanere intatti per un periodo indefinito di tempo. Qualunque cosa Stuckie stesse inseguendo quando si è infilato su quell’albero probabilmente è sparito da tempo. Ma Stuckie rimarrà per sempre così, guardando con le sue orbite senza occhi le lastre di vetro che lo separano dal mondo vivente che ha lasciato.