Sud Africa, bracconiere schiacciato da elefante

Sud Africa, bracconiere schiacciato da un elefante è stato poi mangiato dai leoni: ecco il racconto dei ranger che hanno trovato il corpo 2 giorni dopo.

Home > Animali > Sud Africa, bracconiere schiacciato da elefante

Sud Africa, un bracconiere è stato schiacciato da un elefante e poi mangiato dai leoni. È accaduto all’interno del Parco Kruger, in Sud Africa dove l’uomo, un bracconiere, era andato per uccidere rinoceronti. Ma la natura, si sa, non perdona… ecco cosa gli è accaduto al cacciatore di frode.

Secondo i vari media internazionali martedì scorso, il bracconiere era nel Parco Kruger del Sud Africa, accompagnato da altri due uomini, con l’intenzione di cacciare illegalmente alcune delle specie che vi abitano in questa riserva naturale. I tre uomini, con un età era compresa tra i 26 ei 35 anni armati di fucili, per i quali non avevano alcuna licenza, hanno cercato di cacciare un rinoceronte.

parco-kruger

Un elefante che si trovava nelle vicinanze, però, ha deciso di intervenire. Ha puntato uno dei bracconieri e lo ha schiacciato, ammazzandolo sul colpo. Il corpo è stato trascinato fino alla strada principale che attraversa il Parco Kruger dai due compagni che erano miracolosamente scampati alla furia del pachiderma.

arsenale

I due hanno deciso di non dire nulla a nessuno e sono tornati alle loro case, nella speranza che il corpo venisse trovato dai ranger del parco che poi lo avrebbero comunicato alla famiglia. Tuttavia, i giorni passarono e nessuno trovò il corpo. La pressione e il rimorso per quello che era successo ha vinto e i superstiti hanno deciso di raccontare tutto ai parenti del defunto che hanno allertato la polizia. Speravano di ritrovare il corpo ma era troppo tardi.

leoni

I ranger hanno trovato solo un teschio rosicchiato, una scarpa e un paio di jeans strappati, che i parenti hanno riconosciuto come gli stessi indossati dal bracconiere. “Le prove raccontano la stessa storia: un branco di leoni hanno divorato i resti dell’uomo lasciando solo il teschio e un paio di pantaloni”, ha detto l’ufficio del portavoce dei Parchi nazionali sudafricani in un comunicato stampa.

abiti

“Sconfinare e camminare nel Parco Nazionale del Kruger non è una cosa molto intelligente da fare. Ci sono molti pericoli e questo incidente è la prova di questo” , ha chiuso Glenn Phillips, amministratore delegato del Kruger National Park.

Gli altri due uomini che sono riusciti a non essere incornati dai rinoceronti e a sopravvivere all’assalto dell’elefante e alle fauci dei leoni, ora devono pagare le loro colpe alla giustizia umana. La polizia li ha arrestati e dovranno rispondere per “il possesso di armi senza licenza, cospirazione per bracconaggio e per aver sconfinato nel parco senza permesso”.

elefante