Tahani abbandonata perché aveva la zampa rotta

Il povero cucciolo aveva una zampa rotta. E al posto di prendersi cura di lui, un umano senza cuore ha pensato di abbandonarlo in un rifugio.

Home > Animali > Tahani abbandonata perché aveva la zampa rotta

Tahani è un mix di Pomeranian-husky di 12 settimane nato da un allevatore. Stava per essere venduto, quindi stava per trovare una sua casa per sempre. Ma in qualche modo si è rotto una zampa. Il suo infortunio era piuttosto grave. Quando l’allevatore si è reso conto che non sarebbero più riusciti a vendere il cucciolo, hanno deciso di abbandonarlo in un rifugio.

Tahani

Tahani è stato lasciato in un centro di adozione di MSPCA a Boston. Quando è arrivato, i volontari sono rimasti colpiti dalla sua bellezza. Un mix tra un Pomeranian e un husky è molto raro da incontrare. Si vedeva che era sofferente, ma poco importava. Perché guardava sempre tutti con i suoi grandi occhi blu, grati per averla aiutata.

Era in condizioni eccellenti a parte la frattura della zampa, che a quel tempo era una frattura aperta, forse molto dolorosa, quindi la squadra veterinaria di rifugio l’ha sottoposta immediatamente a terapia del dolore prima di valutare se avesse bisogno di un intervento chirurgico per guarire la frattura, o se sarebbe guarita da sola in diverse settimane se dovesse essere equipaggiata per una stecca“, ha detto a The Dodo Rob Halpin, direttore delle pubbliche relazioni per la MSPCA.

Dopo alcune radiografie, si scoprì che non c’era bisogno di intervento chirurgico, ma sulla zampa doveva essere messa una stecca, da controllare di continuo. E poi bisognava gestire il suo dolore. Le bende erano da cambiare di continuo, con valutazioni settimanali.

Nonostante tutto quello che stava attraversando, Tahani è rimasta dolce e giocosa. Sembrava a malapena che si accorgesse di indossare una stecca.

“Per lei la vita è un’avventura e non lascia che la natura lenta e goffa della sua andatura temporanea le dia fastidio”. Ed è sempre molto felice.

La guarigione di Tahani procede bene. La sua storia è stata raccontata online sui social network, incoraggiando le persone ad adottarla. E ha già ricevuto più di 100 richieste.