Tay-Tay, il cane thailandese senza zampe

Tay-Tay aveva perso le sue zampe ma non la voglia di vivere. Non ci crederete ma ecco l'aiuto di chi ha rifiutato questo piccolo cane.

Quando Tay-Tay, il cane thailandese di strada ha perso le zampe posteriori in un incidente stradale, in molti hanno dato per scontato che non avrebbe più camminato. Tuttavia, il coraggioso cane è andato contro tutte le probabilità ed è tornato a camminare usando solo le sue zampe anteriori.

Tay-Tay è ospite di un rifugio per animali con sede a Chonburi, in Tailandia. Tay-Tay è stato vittima di un incidente stradale 4 anni fa ma è sopravvissuto… ha perso, però, le zampe posteriori e parte della parte inferiore del corpo. Nel video che avete appena visto Tay Tay fa una delle sue passeggiate all’interno del rifugio senza mostrare alcuna difficoltà. Tay-Tay vive in questo rifugio dall’incidente di quattro anni fa e il direttore della struttura dice di non averlo mai messo in adozione perché “Tay-Tay sembra felice” lì. Ma pochi sanno che, recentemente, Tay-Tay si è guadagnato un sostenitore reale, dopo che un’associazione di animali chiamata Watchdog Thailand ha pubblicato una sua foto sui social media. Il re Maha Vajiralongkorn, conosciuto anche con il nome di Rama della Thailandia, vide la foto e divenne il protettore di Tay-Tay. Il Re ha donato cibo per gli animali ospitati dal rifugio e ha persino mandato a Tay-Tay una sedia a rotelle speciale per cani in onore del suo cane reale, Khun Fu. Ha anche inviato un veterinario “esperto in sedie a rotelle” al rifugio per esaminare Tay-Tay e valutare la reale necessità del cane di un ausilio per la deambulazione. Ma Tay-Tay ha deciso di rifiutare il regalo reale, continuando ad usare le sue zampe anteriori per camminare.



ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

“È incredibile vedere che il cane è ancora capace di mangiare, camminare e persino correre quando vuole, nonostante il suo handicap”, ha detto Julian Küng, 32 anni, di Zurigo, in Svizzera, l’uomo che ha girato il video di Tay-Tay mentre camminava.

“Non ha perso nemmeno la sua curiosità innata. Ogni tanto cerca di scappare dal rifugio e farsi un giro sulle strade della città”.

“Dato che non è in grado di svoltare rapidamente e sfuggire al traffico di Chonburi, il direttore del rifugio, Peerapha, deve rincorre Tay-Tay ogni volta e riportarlo al rifugio.”

Tay-Tay rimarrà per sempre sotto le cure del direttore del canile Peerapha Suwanich, che ha altri 40 cani e 200 gatti circa randagi.

Tay-Tay dovrebbe essere un esempio di determinazione e forza di volontà per tutti. Nonostante i suoi limiti non si è mai abbattuto e ha continuato a vivere la sua vita al massimo.