Treviso: Luna attende i suoi umani sulla panchina

Treviso: Luna attende i suoi umani sulla panchina che conosce così bene: ecco la sua storia.

Home > Animali > Treviso: Luna attende i suoi umani sulla panchina

Treviso: Luna attende i suoi umani sulla panchina che conosce così bene e la sua storia sta facendo il giro del mondo. Luna è una cagnolina meticcia che, nel giro di pochi giorni ha perso tutto quello che aveva: i suoi proprietari, residenti a Farra di Soligno, sono morti entrambi a febbraio e lei è stata adottata dalle 3 figlie della famiglia. Solo che la perdita dei suoi amati proprietari ha spezzato il cuore a Luna e la cucciola ha deciso di fare una cosa che ha commosso l’intero paese.

treviso-luna-attende-i-suoi-umani-sulla-panchina
Foto di repertorio

Come vi abbiamo già detto, Luna è una cagnolina meticcia di colore marrone chiaro. Il 16 di febbraio è morto il suo papà umano, Guerrino Dorigo. Pochi giorni dopo, il 24 di febbraio, è morta anche la moglie Rosa Foltran che soffriva di demenza senile. La coppia era sposata da 60 anni e viveva a Farra di Soligno insieme alla cagnolina Luna. La loro morte improvvisa ha gettato la povera Luna nello sconforto. La cagnolina è stata adottata dalla una delle 3 figlie della coppia che l’ha portata via con lei, lontana circa 2 km dalla casa che conosceva e amava e dove aveva passato momenti meravigliosi con i suoi amati proprietari.

cagnolina-luna

Luna è riuscita a scappare dal vigneto di proprietà della famiglia della donna facendola preoccupare. La donna ha iniziato subito a cercarla disperatamente. L’ha trovata stesa su una panchina vicina a villa Soligo, un posto che Luna conosceva molto bene e perché veniva a riposarsi con i suoi proprietari dopo le passeggiate che facevano insieme.

coppia-anziani

Per li quello era un luogo speciale, un posto che le ricordava i suoi amati umani, Guerrino e Rosa. Ha fatto quei 2 km per salutare, per l’ultima volta, i suoi due angeli.

La sua storia ha commosso tutti gli abitanti di Farra di Soligo e noi abbiamo voluta raccontarvela.