Trova un cane e si commuove leggendo il messaggio scritto sulla sua targhetta

Avete mai guidato di notte quando è la strada è completamente buia? Quando non si vede nulla al di fuori del raggio di azione dei fari? Come vi sentireste se, all’improvviso, qualcosa vi attraversasse la strada?  Potete immaginarvi come si è sentita Payden Trujillo, la donna protagonista del nostro racconto, quando, in una fredda notte di gennaio si è ritrovata un animale davanti alla sua macchina.


Grazie ai suoi riflessi la donna è riuscita ad evitare l’impatto ma la paura era tanta. Payden è scesa dalla macchina e quello che ha visto l’ha fatta piangere. Quello che stava quasi per investire era una cagnolina, che lei chiamò Lilly. Era infreddolita, magrissima e terrorizzata. Fortunatamente la donna aveva qualche biscottino per animali nella sua macchina e li ha usati per convincere Lilly a salire. Payden immaginò che qualcuno avesse perso il loro cane, Lilly; Fu solo quando la riportò a casa di suo padre che capì qual’era la verità. Lilly non si era persa… era stata abbandonata. La donna l’ha capito quando ha letto quello che stava scritto sulla targhetta identificativa della piccola. Non c’era nessun nome e nessun numero di telefono. C’era questo messaggio: “Il mio nome è Lilly e, se mi hai trovata, ti prego, tienimi. La mia famiglia non può e ho bisogno di amore.” Mercedes Trujillo, la sorella di Payden, ha raccontato: “Ci sono parecchi rifugi tranquilli che non sopprimono gli animali in giro nella zona e i proprietari avrebbero potuto portarla in uno di questi… hanno preferito, invece, abbandonarla.”

Mercedes sapeva cosa doveva fare: Lilly sarebbe rimasta con lei.

“Era davvero magra e aveva le zampe congellate, quindi doveva essere stata là fuori per un po'”, disse Mercedes. Lilly non si è adattata bene al suo nuovo ambiente; la sua paura di essere abbandonata era così grande quando veniva lasciata sola che distruggeva le cose intorno per la casa: “Abitavo con alcuni amici di famiglia che alla fine mi dissero che non potevano più farla rimanere lì”, disse Mercedes.

Alla fine Mercedes andò a vivere nel suo campus universitario e portò Lilly con lei. Notò, però, una cosa strana. La cagnolina abbaiava a tutti gli maschi, come se volesse sgridarli. Mercedes capì che il suo ex proprietario era un uomo e Lilly sgridava i maschi perché era stata delusa da uno di loro. Ma, nel campus, si abituò presto alla presenza dei maschi.

Lilly e la sua umana si divertono a fare gite fuori porta. E da quando si sono trasferiti a ovest, in California, c’è molto da vedere e da fare all’aperto.

Adesso Lilly ha anche un nuovo compagno di escursioni: Ayla, un levriero di 1 anno proveniente da un salvataggio di Barking lot Rescue. “A Lilly piace avere una sorellina”, disse Mercedes. “Si divertono tantissimo a giocare insieme”.