Trova uno zaino in campagna

Si ferma per raccogliere uno zaino ma si rende conto che qualcosa non va

Burean Behrens, un medico veterinario, stava andando al lavoro, era una mattina afosa ed era in ritardo. Stava percorrendo una strada rurale nell’Idaho, negli Stati Uniti, quando qualcosa ha catturato la sua attenzione costringendola a fermare la sua auto. Vide uno zaino sul ciglio della strada e pensò che sarebbe stato meglio prenderlo, credendo che un bambino avesse perso le sue cose di scuola.

Quando si avvicinò alla borsa, non poté credere a quello che vedevano i suoi occhi: la borsa si muoveva. Quindi aprì la borsa e ottenne la sorpresa della sua vita. Invece di trovare materiale scolastico, trovò lui. “Mi ha quasi spezzato il cuore. Era bagnato fradicio, ghiacciato, rannicchiato come  una piccola palla, stretto a se stesso. Mi ha guardato come per dire: ‘Hai intenzione di ferirmi o aiutarmi?’ “Il piccolo era sporco bagnato fradicio, quindi lo portò in clinica.

Lo staff ha scoperto di avere una ferita a un lato del cervello che stava influenzando il suo comportamento. Behrens crede che il cane sia stato abbandonato senza pietà a causa delle sue condizioni. “Non sono giocattoli rotti. Non sono giocattoli rotti o cose che regali a Natale e poi dai via. È una vita, non puoi ignorarla”, ha detto Behrens.

L’organizzazione chiamò il cane Zoe, che significa combattente in greco. Si prendono cura di Zoe e valutano le sue condizioni mediche passo dopo passo. Lo staff ha anche invitato chiunque abbia informazioni sul proprietario di questo cane a contattare la polizia della contea.

Non riesco a capire perché gli animali vengono scartati in questo modo quando si ammalano, probabilmente il piccolo era caduto e per non curarlo era stato buttato a morire. Ci sono così tante organizzazioni nelle città civilizzate.

 

 

Il salvataggio di una cagnolina abbandonata con i suoi cuccioli (VIDEO)

Gettato in un fosso un povero cane di 20 anni

Kristen Bell e l'addio alla sua anziana cagnolina Barbara

Di chi è il bellissimo mazzo di fiori

Alto Adige, aquila uccisa nel nido mentre covava

Dopo 900 giorni costretto nel box di un rifugio, Leo è stato finalmente adottato

La storia della povera Lola, etichettata come aggressiva